Footer menù

Testo del canto 17 (XVII) del poema Orlando Furioso

20
Tutta coperta è la strada maestra
di panni di diversi color lieti;
e d’odorifera erba, e di silvestra
fronda la terra e tutte le pareti.
Adorna era ogni porta, ogni finestra
di finissimi drappi e di tapeti,
ma più di belle e ben ornate donne
di ricche gemme e di superbe gonne.

21
Vedeasi celebrar dentr’alle porte,
in molti lochi, solazzevol balli;
il popul, per le vie, di miglior sorte
maneggiar ben guarniti e bei cavalli:
facea più bel veder la ricca corte
de’ signor, de’ baroni e de’ vasalli,
con ciò che d’India e d’eritree maremme
di perle aver si può, d’oro e di gemme.

22
Venia Grifone e la sua compagnia
mirando e quinci e quindi il tutto ad agio,
quando fermolli un cavalliero in via,
e gli fece smontare a un suo palagio;
e per l’usanza e per sua cortesia
di nulla lasciò lor patir disagio.
Li fe’ nel bagno entrar, poi con serena
fronte gli accolse a sontuosa cena.

23
E narrò lor come il re Norandino,
re di Damasco e di tutta Soria,
fatto avea il paesano e ‘l peregrino
ch’ordine avesse di cavalleria,
alla giostra invitar, ch’al matutino
del dì sequente in piazza si faria;
e che s’avean valor pari al sembiante,
potrian mostrarlo senza andar più inante.

24
Ancor che quivi non venne Grifone
a questo effetto, pur lo ‘nvito tenne;
che qual volta se n’abbia occasione,
mostrar virtude mai non disconvenne.
Interrogollo poi de la cagione
di quella festa, e s’ella era solenne
usata ogn’anno, o pure impresa nuova
del re ch’i suoi veder volesse in pruova.

25
Rispose il cavallier: – La bella festa
s’ha da far sempre ad ogni quarta luna:
de l’altre che verran, la prima è questa:
ancora non se n’è fatta più alcuna.
Sarà in memoria che salvò la testa
il re in tal giorno da una gran fortuna,
dopo che quattro mesi in doglie e ‘n pianti
sempre era stato, e con la morte inanti.

26
Ma per dirvi la cosa pienamente,
il nostro re, che Norandin s’appella,
molti e molt’anni ha avuto il core ardente
de la leggiadra e sopra ogn’altra bella
figlia del re di Cipro: e finalmente
avutala per moglie, iva con quella,
con cavallieri e donne in compagnia;
e dritto avea il camin verso Soria.

27
Ma poi che fummo tratti a piene vele
lungi dal porto nel Carpazio iniquo,
la tempesta saltò tanto crudele,
che sbigottì sin al padrone antiquo.
Tre dì e tre notti andammo errando ne le
minacciose onde per camino obliquo.
Uscimo al fin nel lito stanchi e molli,
tra freschi rivi, ombrosi e verdi colli.

28
Piantare i padiglioni, e le cortine
fra gli arbori tirar facemo lieti.
S’apparechiano i fuochi e le cucine;
le mense d’altra parte in su tapeti.
Intanto il re cercando alle vicine
valli era andato e a’ boschi più secreti,
se ritrovasse capre o daini o cervi;
e l’arco gli portar dietro duo servi.

29
Mentre aspettamo, in gran piacer sedendo,
che da cacciar ritorni il signor nostro,
vedemo l’Orco a noi venir correndo
lungo il lito del mar, terribil mostro.
Dio vi guardi, signor, che ‘l viso orrendo
de l’Orco agli occhi mai vi sia dimostro:
meglio è per fama aver notizia d’esso,
ch’andargli, si che lo veggiate, appresso.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web