Footer menù

Testo del canto 14 (XIV) del poema Orlando Furioso

40
– Dal nostro re siàn (disse) di Granata
chiamati in compagnia de la figliuola,
la quale al re di Sarza ha maritata,
ben che di ciò la fama ancor non vola.
Come appresso la sera racchetata
la cicaletta sia, ch’or s’ode sola,
avanti al padre fra l’ispane torme
la condurremo: intanto ella si dorme. –

41
Colui, che tutto il mondo vilipende,
disegna di veder tosto la pruova,
se quella gente o bene o mal difende
la donna, alla cui guardia si ritruova.
Disse: – Costei, per quanto se n’intende,
è bella; e di saperlo ora mi giova.
A lei mi mena, o falla qui venire;
ch’altrove mi convien subito gire. –

42
– Esser per certo dei pazzo solenne, –
rispose il Granatin, né più gli disse.
Ma il Tartaro a ferir tosto lo venne
con l’asta bassa, e il petto gli trafisse;
che la corazza il colpo non sostenne,
e forza fu che morto in terra gisse.
L’asta ricovra il figlio d’Agricane,
perché altro da ferir non gli rimane.

43
Non porta spada né baston; che quando
l’arme acquistò, che fu d’Ettor troiano,
perché trovò che lor mancava il brando,
gli convenne giurar (né giurò invano)
che fin che non togliea quella d’Orlando,
mai non porrebbe ad altra spada mano:
Durindana ch’Almonte ebbe in gran stima,
e Orlando or porta, Ettor portava prima.

44
Grande è l’ardir del Tartaro, che vada
con disvantaggio tal contra coloro,
gridando: – Chi mi vuol vietar la strada? –
E con la lancia si cacciò tra loro.
Chi l’asta abbassa, e chi tra’ fuor la spada;
e d’ogn’intorno subito gli foro.
Egli ne fece morir una frotta,
prima che quella lancia fosse rotta.

45
Rotta che se la vede, il gran troncone
che resta intero, ad ambe mani afferra;
e fa morir con quel tante persone,
che non fu vista mai più crudel guerra.
Come tra’ Filistei l’ebreo Sansone
con la mascella che levò di terra,
scudi spezza, elmi schiaccia, e un colpo spesso
spenge i cavalli ai cavallieri appresso.

46
Correno a morte que’ miseri a gara,
né perché cada l’un, l’altro andar cessa;
che la maniera del morire, amara
lor par più assai che non è morte istessa.
Patir non ponno che la vita cara
tolta lor sia da un pezzo d’asta fessa,
e sieno sotto alle picchiate strane
a morir giunti, come biscie o rane.

47
Ma poi ch’a spese lor si furo accorti
che male in ogni guisa era morire,
sendo già presso alli duo terzi morti,
tutto l’avanzo cominciò a fuggire.
Come del proprio aver via se gli porti,
il Saracin crudel non può patire
ch’alcun di quella turba sbigottita
da lui partir si debba con la vita.

48
Come in palude asciutta dura poco
stridula canna, o in campo àrrida stoppia
contra il soffio di borea e contra il fuoco
che ‘l cauto agricultore insieme accoppia,
quando la vaga fiamma occupa il loco,
e scorre per li solchi, e stride e scoppia;
così costor contra la furia accesa
di Mandricardo fan poca difesa.

49
Poscia ch’egli restar vede l’entrata,
che mal guardata fu, senza custode;
per la via che di nuovo era segnata
ne l’erba, e al suono dei ramarchi ch’ode,
viene a veder la donna di Granata,
se di bellezze è pari alle sue lode:
passa tra i corpi de la gente morta,
dove gli dà, torcendo, il fiume porta.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web