Footer menù

Testo del canto 14 (XIV) del poema Orlando Furioso

20
e se ‘l fratel di Ferraù, Isoliero,
ch’a l’arbore legato ritrovollo,
non facea fede inanzi al re del vero,
avrebbe dato in su le forche un crollo.
Mutò, a’ prieghi di molti, il re pensiero,
già avendo fatto porgli il laccio al collo:
gli lo fece levar, ma riserbarlo
pel primo error; che poi giurò impiccarlo:

21
sì ch’avea causa di venir Brunello
col viso mesto e con la testa china.
Seguia poi Farurante, e dietro a quello
eran cavalli e fanti di Maurina.
Venìa Libanio appresso, il re novello:
la gente era con lui di Constantina;
però che la corona e il baston d’oro
gli ha dato il re, che fu di Pinadoro.

22
Con la gente d’Esperia Soridano,
e Dorilon ne vien con quei di Setta;
ne vien coi Nasamoni Puliano.
Quelli d’Amonia il re Agricalte affretta;
Malabuferso quelli di Fizano.
Da Finadurro è l’altra squadra retta,
che di Canaria viene e di Marocco;
Balastro ha quei che fur del re Tardocco.

23
Due squadre, una di Mulga, una d’Arzilla,
seguono: e questa ha ‘l suo signore antico;
quella n’è priva; e però il re sortilla,
e diella a Corineo suo fido amico.
E così de la gente d’Almansilla,
ch’ebbe Tanfirion, fe’ re Caico;
diè quella di Getulia a Rimedonte.
Poi vien con quei di Cosca Balinfronte.

24
Quell’altra schiera è la gente di Bolga:
suo re è Clarindo, e già fu Mirabaldo.
Vien Baliverzo, il qual vuò che tu tolga
di tutto il gregge pel maggior ribaldo.
Non credo in tutto il campo si disciolga
bandiera ch’abbia esercito più saldo
de l’altra, con che segue il re Sobrino,
né più di lui prudente Saracino.

25
Quei di Bellamarina, che Gualciotto
solea guidare, or guida il re d’Algieri
Rodomonte, e di Sarza, che condotto
di nuovo avea pedoni e cavallieri;
che mentre il sol fu nubiloso sotto
il gran centauro e i corni orridi e fieri,
fu in Africa mandato da Agramante,
onde venuto era tre giorni inante.

26
Non avea il campo d’Africa più forte,
né Saracin più audace di costui:
e più temean le parigine porte,
ed avean più cagion di temer lui,
che Marsilio, Agramante e la gran corte
ch’avea seguito in Francia questi dui:
e più d’ogni altro che facesse mostra,
era nimico de la fede nostra.

27
Vien Prusione, il re de l’Alvaracchie;
poi quel de la Zumara, Dardinello.
Non so s’abbiano o nottole o cornacchie,
o altro manco ed importuno augello,
il qual dai tetti e da le fronde gracchie
futuro mal, predetto a questo e a quello,
che fissa in ciel nel dì seguente è l’ora
che l’uno e l’altro in quella pugna muora.

28
In campo non aveano altri a venire,
che quei di Tremisenne e di Norizia;
né si vedea alla mostra comparire
il segno lor, né dar di sé notizia.
Non sapendo Agramante che si dire,
né che pensar di questa lor pigrizia,
uno scudiero al fin gli fu condutto
del re di Tremisen, che narrò il tutto.

29
E gli narrò ch’Alzirdo e Manilardo
con molti altri de’ suoi giaceano al campo.
– Signor (diss’egli), il cavallier gagliardo
ch’ucciso ha i nostri, ucciso avria il tuo campo,
se fosse stato a torsi via più tardo
di me, ch’a pena ancor così ne scampo.
Fa quel de’ cavallieri e de’ pedoni,
che ‘l lupo fa di capre e di montoni. –

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web