Footer menù

Testo del canto 14 (XIV) del poema Orlando Furioso

110
L’esercito cristian sopra le mura
con lance, spade e scure e pietre e fuoco
difende la città senza paura,
e il barbarico orgoglio estima poco;
e dove Morte uno ed un altro fura,
non è chi per viltà ricusi il loco.
Tornano i Saracin giù ne le fosse
a furia di ferite e di percosse.

111
Non ferro solamente vi s’adopra,
ma grossi massi, e merli integri e saldi,
e muri dispiccati con molt’opra,
tetti di torri, e gran pezzi di spaldi.
L’acque bollenti che vengon di sopra,
portano a’ Mori insupportabil caldi;
e male a questa pioggia si resiste,
ch’entra per gli elmi, e fa acciecar le viste.

112
E questa più nocea che ‘l ferro quasi:
or che de’ far la nebbia di calcine?
or che doveano far li ardenti vasi
con olio e zolfo e peci e trementine?
I cerchi in munizion non son rimasi,
che d’ogn’intorno hanno di fiamma il crine:
questi, scagliati per diverse bande,
mettono a’ Saracini aspre ghirlande.

113
Intanto il re di Sarza avea cacciato
sotto le mura la schiera seconda,
da Buraldo, da Ormida accompagnato,
quel Garamante, e questo di Marmonda.
Clarindo e Soridan gli sono allato,
né par che ‘l re di Setta si nasconda;
segue il re di Marocco e quel di Cosca,
ciascun perché il valor suo si conosca.

114
Ne la bandiera, ch’è tutta vermiglia,
Rodomonte di Sarza il leon spiega,
che la feroce bocca ad una briglia
che gli pon la sua donna, aprir non niega.
Al leon sé medesimo assimiglia;
e per la donna che lo frena e lega,
la bella Doralice ha figurata,
figlia di Stordilan re di Granata:

115
quella che tolto avea, come io narrava,
re Mandricardo, e dissi dove e a cui.
Era costei che Rodomonte amava
più che’l suo regno e più che gli occhi sui;
e cortesia e valor per lei mostrava,
non già sapendo ch’era in forza altrui:
se saputo l’avesse, allora allora
fatto avria quel che fe’ quel giorno ancora.

116
Sono appoggiate a un tempo mille scale,
che non han men di dua per ogni grado.
Spinge il secondo quel ch’inanzi sale;
che ‘l terzo lui montar fa suo mal grado.
Chi per virtù, chi per paura vale:
convien ch’ognun per forza entri nel guado;
che qualunche s’adagia, il re d’Algiere,
Rodomonte crudele, uccide o fere.

117
Ognun dunque si sforza di salire
tra il fuoco e le ruine in su le mura.
Ma tutti gli altri guardano, se aprire
veggiano passo ove sia poca cura:
sol Rodomonte sprezza di venire,
se non dove la via meno è sicura.
Dove nel caso disperato e rio
gli altri fan voti, egli bestemmia Dio.

118
Armato era d’un forte duro usbergo,
che fu di drago una scagliosa pelle.
Di questo già si cinse il petto e ‘l tergo
quello avol suo ch’edificò Babelle,
e si pensò cacciar de l’aureo albergo,
e torre a Dio il governo de le stelle:
l’elmo e lo scudo fece far perfetto,
e il brando insieme; e solo a questo effetto.

119
Rodomonte non già men di Nembrotte
indomito, superbo e furibondo,
che d’ire al ciel non tarderebbe a notte,
quando la strada si trovasse al mondo,
quivi non sta a mirar s’intere o rotte
sieno le mura, o s’abbia l’acqua fondo:
passa la fossa, anzi la corre e vola,
ne l’acqua e nel pantan fin alla gola.

120
Di fango brutto, e molle d’acqua vanne
tra il foco e i sassi e gli archi e le balestre,
come andar suol tra le palustri canne
de la nostra Mallea porco silvestre,
che col petto, col grifo e con le zanne
fa, dovunque si volge, ample finestre.
Con lo scudo alto il Saracin sicuro
ne vien sprezzando il ciel, non che quel muro.

121
Non sì tosto all’asciutto è Rodomonte,
che giunto si sentì su le bertresche,
che dentro alla muraglia facean ponte
capace e largo alle squadre francesche.
Or si vede spezzar più d’una fronte,
far chieriche maggior de le fratesche,
braccia e capi volare; e ne la fossa
cader da’ muri una fiumana rossa.

122
Getta il pagan lo scudo, e a duo man prende
la crudel spada, e giunge il duca Arnolfo.
Costui venìa di là dove discende
l’acqua del Reno nel salato golfo.
Quel miser contra lui non si difende
meglio che faccia contra il fuoco il zolfo;
e cade in terra, e dà l’ultimo crollo,
dal capo fesso un palmo sotto il collo.

123
Uccide di rovescio in una volta
Anselmo, Oldrado, Spineloccio e Prando:
il luogo stretto e la gran turba folta
fece girar sì pienamente il brando.
Fu la prima metade a Fiandra tolta,
l’altra scemata al populo normando.
Divise appresso da la fronte al petto,
ed indi al ventre, il maganzese Orghetto.

124
Getta da’ merli Andropono e Moschino
giù ne la fossa: il primo è sacerdote;
non adora il secondo altro che ‘l vino,
e le bigonce a un sorso n’ha già vuote.
Come veneno e sangue viperino
l’acque fuggia quanto fuggir si puote:
or quivi muore; e quel che più l’annoia,
è ‘l sentir che nell’acqua se ne muoia.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web