Footer menù

Testo del canto 14 (XIV) del poema Orlando Furioso

100
Le campane si sentono a martello
di spessi colpi e spaventosi tocche;
si vede molto, in questo tempio e in quello,
alzar di mano e dimenar di bocche.
Se ‘l tesoro paresse a Dio sì bello,
come alle nostre openioni sciocche,
questo era il dì che ‘l santo consistoro
fatto avria in terra ogni sua statua d’oro.

101
S’odon ramaricare i vecchi giusti,
che s’erano serbati in quelli affanni,
e nominar felici i sacri busti
composti in terra già molti e molt’anni.
Ma gli animosi gioveni robusti
che miran poco i lor propinqui danni,
sprezzando le ragion de’ più maturi,
di qua di là vanno correndo a’ muri.

102
Quivi erano baroni e paladini,
re, duci, cavallier, marchesi e conti,
soldati forestieri e cittadini,
per Cristo e pel suo onore a morir pronti;
che per uscire adosso ai Saracini,
pregan l’imperator ch’abbassi i ponti.
Gode egli di veder l’animo audace,
ma di lasciarli uscir non li compiace.

103
E li dispone in oportuni lochi,
per impedire ai barbari la via:
là si contenta che ne vadan pochi,
qua non basta una grossa compagnia;
alcuni han cura maneggiare i fuochi,
le machine altri, ove bisogno sia.
Carlo di qua di là non sta mai fermo:
va soccorrendo, e fa per tutto schermo.

104
Siede Parigi in una gran pianura,
ne l’ombilico a Francia, anzi nel core;
gli passa la riviera entro le mura,
e corre, ed esce in altra parte fuore.
Ma fa un’isola prima, e v’assicura
de la città una parte, e la migliore;
l’altre due (ch’in tre parti è la gran terra)
di fuor la fossa, e dentro il fiume serra.

105
Alla città, che molte miglia gira,
da molte parti si può dar battaglia:
ma perché sol da un canto assalir mira,
né volentier l’esercito sbarraglia,
oltre il fiume Agramante si ritira
verso ponente, acciò che quindi assaglia;
però che né cittade né campagna
ha dietro, se non sua, fin alla Spagna.

106
Dovunque intorno il gran muro circonda,
gran munizioni avea già Carlo fatte,
fortificando d’argine ogni sponda
con scannafossi dentro e case matte;
onde entra ne la terra, onde esce l’onda,
grossissime catene aveva tratte;
ma fece, più ch’altrove, provedere
là dove avea più causa di temere.

107
Con occhi d’Argo il figlio di Pipino
previde ove assalir dovea Agramante;
e non fece disegno il Saracino,
a cui non fosse riparato inante.
Con Ferraù, Isoliero, Serpentino,
Grandonio, Falsirone e Balugante,
e con ciò che di Spagna avea menato,
restò Marsilio alla campagna armato.

108
Sobrin gli era a man manca in ripa a Senna,
con Pulian, con Dardinel d’Almonte,
col re d’Oran, ch’esser gigante accenna,
lungo sei braccia dai piedi alla fronte.
Deh perché a muover men son io la penna,
che quelle genti a muover l’arme pronte?
che ‘l re di Sarza, pien d’ira e di sdegno,
grida e bestemmia e non può star più a segno.

109
Come assalire o vasi pastorali,
o le dolci reliquie de’ convivi
soglion con rauco suon di stridule ali
le impronte mosche a’ caldi giorni estivi;
come li storni a rosseggianti pali
vanno de mature uve: così quivi,
empiendo il ciel di grida e di rumori,
veniano a dare il fiero assalto i Mori.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web