Footer menù

Testo del canto 12 (XII) del poema Orlando Furioso

60
Lo riconobbe, tosto che mirollo,
per lettere ch’avea scritte ne l’orlo;
che dicean dove Orlando guadagnollo,
e come e quando, ed a chi fe’ deporlo.
Armossene il pagano il capo e il collo,
che non lasciò, pel duol ch’avea, di torlo;
pel duol ch’avea di quella che gli sparve,
come sparir soglion notturne larve.

61
Poi ch’allacciato s’ha il buon elmo in testa,
aviso gli è, che a contentarsi a pieno,
sol ritrovare Angelica gli resta,
che gli appar e dispar come baleno.
Per lei tutta cercò l’alta foresta:
e poi ch’ogni speranza venne meno
di più poterne ritrovar vestigi,
tornò al campo spagnuol verso Parigi;

62
temperando il dolor che gli ardea il petto,
di non aver sì gran disir sfogato,
col refrigerio di portar l’elmetto
che fu d’Orlando, come avea giurato.
Dal conte, poi che ‘l certo gli fu detto,
fu lungamente Ferraù cercato;
né fin quel dì dal capo gli lo sciolse,
che fra duo ponti la vita gli tolse.

63
Angelica invisibile e soletta
via se ne va, ma con turbata fronte;
che de l’elmo le duol, che troppa fretta
le avea fatto lasciar presso alla fonte.
– Per voler far quel ch’a me far non spetta
(tra sé dicea), levato ho l’elmo al conte:
questo, pel primo merito, è assai buono
di quanto a lui pur ubligata sono.

64
Con buona intenzione (e sallo Idio),
ben che diverso e tristo effetto segua,
io levai l’elmo: e solo il pensier mio
fu di ridur quella battaglia a triegua;
e non che per mio mezzo il suo disio
questo brutto Spagnuol oggi consegua. –
Così di sé s’andava lamentando
d’aver de l’elmo suo privato Orlando.

65
Sdegnata e malcontenta la via prese,
che le parea miglior, verso Oriente.
Più volte ascosa andò, talor palese,
secondo era oportuno, infra la gente.
Dopo molto veder molto paese,
giunse in un bosco, dove iniquamente
fra duo compagni morti un giovinetto
trovò, ch’era ferito in mezzo il petto.

66
Ma non dirò d’Angelica or più inante;
che molte cose ho da narrarvi prima:
né sono a Ferraù né a Sacripante,
sin a gran pezzo per donar più rima.
Da lor mi leva il principe d’Anglante,
che di sé vuol che inanzi agli altri esprima
le fatiche e gli affanni che sostenne
nel gran disio, di che a fin mai non venne.

67
Alla prima città ch’egli ritruova
(perché d’andare occulto avea gran cura)
si pone in capo una barbuta nuova,
senza mirar s’ha debil tempra o dura:
sia qual si vuol, poco gli nuoce o giova;
sì ne la fatagion si rassicura.
Così coperto seguita l’inchiesta;
né notte, o giorno, o pioggia, o sol l’arresta.

68
Era ne l’ora, che trae i cavalli
Febo del mar con rugiadoso pelo,
e l’Aurora di fior vermigli e gialli
venìa spargendo d’ogn’intorno il cielo;
e lasciato le stelle aveano i balli,
e per partirsi postosi già il velo:
quando appresso a Parigi un dì passando,
mostrò di sua virtù gran segno Orlando.

69
In dua squadre incontrossi: e Manilardo
ne reggea l’una, il Saracin canuto,
re di Norizia, già fiero e gagliardo,
or miglior di consiglio che d’aiuto;
guidava l’altra sotto il suo stendardo
il re di Tremisen, ch’era tenuto
tra gli Africani cavallier perfetto:
Alzirdo fu, da chi ‘l conobbe, detto.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web