Footer menù

Testo del canto 11 (XI) del poema Orlando Furioso

40
Dal dolor vinta, or sopra il mar si lancia,
e mostra i fianchi e le scagliose schene;
or dentro vi s’attuffa, e con la pancia
muove dal fondo e fa salir l’arene.
Sentendo l’acqua il cavallier di Francia,
che troppo abonda, a nuoto fuor ne viene:
lascia l’ancora fitta, e in mano prende
la fune che da l’ancora depende.

41
E con quella ne vien nuotando in fretta
verso lo scoglio; ove fermato il piede,
tira l’ancora a sé, ch’in bocca stretta
con le due punte il brutto mostro fiede.
L’orca a seguire il canape è costretta
da quella forza ch’ogni forza eccede,
da quella forza che più in una scossa
tira, ch’in dieci un argano far possa.

42
Come toro selvatico ch’al corno
gittar si senta un improvviso laccio,
salta di qua di là, s’aggira intorno,
si colca e lieva, e non può uscir d’impaccio;
così fuor del suo antico almo soggiorno
l’orca tratta per forza di quel braccio,
con mille guizzi e mille strane ruote
segue la fune, e scior non se ne puote.

43
Di bocca il sangue in tanta copia fonde,
che questo oggi il mar Rosso si può dire,
dove in tal guisa ella percuote l’onde,
ch’insino al fondo le vedreste aprire;
ed or ne bagna il cielo, e il lume asconde
del chiaro sol: tanto le fa salire.
Rimbombano al rumor ch’intorno s’ode,
le selve, i monti e le lontane prode.

44
Fuor de la grotta il vecchio Proteo, quando
ode tanto rumor, sopra il mare esce;
e visto entrare e uscir de l’orca Orlando,
e al lito trar sì smisurato pesce,
fugge per l’alto oceano, obliando
lo sparso gregge: e sì il tumulto cresce,
che fatto al carro i suoi delfini porre,
quel dì Nettuno in Etiopia corre.

45
Con Melicerta in collo Ino piangendo,
e le Nereide coi capelli sparsi,
Glauci e Tritoni, e gli altri, non sappiendo
dove, chi qua chi là van per salvarsi.
Orlando al lito trasse il pesce orrendo,
col qual non bisognò più affaticarsi;
che pel travaglio e per l’avuta pena,
prima morì, che fosse in su l’arena.

46
De l’isola non pochi erano corsi
a riguardar quella battaglia strana;
i quai da vana religion rimorsi,
così sant’opra riputar profana:
e dicean che sarebbe un nuovo torsi
Proteo nimico, e attizzar l’ira insana,
da farli porre il marin gregge in terra,
e tutta rinovar l’antica guerra;

47
e che meglio sarà di chieder pace
prima all’offeso dio, che peggio accada;
e questo si farà, quando l’audace
gittato in mare a placar Proteo vada.
Come dà fuoco l’una a l’altra face,
e tosto alluma tutta una contrada,
così d’un cor ne l’altro si difonde
l’ira ch’Orlando vuol gittar ne l’onde.

48
Chi d’una fromba e chi d’un arco armato,
chi d’asta, chi di spada, al lito scende;
e dinanzi e di dietro e d’ogni lato,
lontano e appresso, a più poter l’offende.
Di sì bestiale insulto e troppo ingrato
gran meraviglia il paladin si prende:
pel mostro ucciso ingiuria far si vede,
dove aver ne sperò gloria e mercede.

49
Ma come l’orso suol, che per le fiere
menato sia da Rusci o da Lituani,
passando per la via, poco temere
l’importuno abbaiar di picciol cani,
che pur non se li degna di vedere;
così poco temea di quei villani
il paladin, che con un soffio solo
ne potrà fracassar tutto lo stuolo.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web