Footer menù

Testo del canto 11 (XI) del poema Orlando Furioso

10
Quivi un vecchio pastor, che di cavalle
un grande armento avea, facea soggiorno.
Le iumente pascean giù per la valle
le tenere erbe ai freschi rivi intorno.
Di qua di là da l’antro erano stalle,
dove fuggìano il sol del mezzo giorno.
Angelica quel dì lunga dimora
là dentro fece, e non fu vista ancora.

11
E circa il vespro, poi che rifrescossi,
e le fu aviso esser posata assai,
in certi drappi rozzi aviluppossi,
dissimil troppo ai portamenti gai,
che verdi, gialli, persi, azzurri e rossi
ebbe, e di quante fogge furon mai.
Non le può tor però tanto umil gonna,
che bella non rassembri e nobil donna.

12
Taccia chi loda Fillide, o Neera,
o Amarilli, o Galatea fugace;
che d’esse alcuna sì bella non era,
Titiro e Melibeo, con vostra pace.
La bella donna tra’ fuor de la schiera
de le iumente una che più le piace.
Allora allora se le fece inante
un pensier di tornarsene in Levante.

13
Ruggiero intanto, poi ch’ebbe gran pezzo
indarno atteso s’ella si scopriva,
e che s’avide del suo error da sezzo,
che non era vicina e non l’udiva;
dove lasciato avea il cavallo, avezzo
in cielo e in terra, a rimontar veniva:
e ritrovò che s’avea tratto il morso,
e salia in aria a più libero corso.

14
Fu grave e mala aggiunta all’altro danno
vedersi anco restar senza l’augello.
Questo, non men che ‘l feminile inganno,
gli preme al cor; ma più che questo e quello,
gli preme e fa sentir noioso affanno
l’aver perduto il prezioso annello;
per le virtù non tanto ch’in lui sono,
quanto che fu de la sua donna dono.

15
Oltremodo dolente si ripose
indosso l’arme, e lo scudo alle spalle;
dal mar slungossi, e per le piaggie erbose
prese il camin verso una larga valle,
dove per mezzo all’alte selve ombrose
vide il più largo e ‘l più segnato calle.
Non molto va, ch’a destra, ove più folta
è quella selva, un gran strepito ascolta.

16
Strepito ascolta e spaventevol suono
d’arme percosse insieme; onde s’affretta
tra pianta e pianta, e trova dui, che sono
a gran battaglia in poca piazza e stretta.
Non s’hanno alcun riguardo né perdono,
per far, non so di che, dura vendetta.
L’uno è gigante, alla sembianza fiero;
ardito l’altro e franco cavalliero.

17
E questo con lo scudo e con la spada,
di qua di là saltando, si difende,
perché la mazza sopra non gli cada,
con che il gigante a due man sempre offende.
Giace morto il cavallo in su la strada.
Ruggier si ferma, e alla battaglia attende;
e tosto inchina l’animo, e disia
che vincitore il cavallier ne sia.

18
Non che per questo gli dia alcun aiuto;
ma si tira da parte, e sta a vedere.
Ecco col baston grave il più membruto
sopra l’elmo a due man del minor fere.
De la percossa è il cavallier caduto:
l’altro, che ‘l vide attonito giacere,
per dargli morte l’elmo gli dislaccia;
e fa sì che Ruggier lo vede in faccia.

19
Vede Ruggier de la sua dolce e bella
e carissima donna Bradamante
scoperto il viso; e lei vede esser quella
a cui dar morte vuol l’empio gigante:
sì che a battaglia subito l’appella,
e con la spada nuda si fa inante:
na quel, che nuova pugna non attende,
la donna tramortita in braccio prende;

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web