Footer menù

Testo del canto 8 (VIII) del poema Orlando Furioso

80
Parea ad Orlando, s’una verde riva
d’odoriferi fior tutta dipinta,
mirare il bello avorio, e la nativa
purpura ch’avea Amor di sua man tinta,
e le due chiare stelle onde nutriva
ne le reti d’Amor l’anima avinta:
io parlo de’ begli occhi e del bel volto,
che gli hanno il cor di mezzo il petto tolto.

81
Sentia il maggior piacer, la maggior festa
che sentir possa alcun felice amante:
ma ecco intanto uscire una tempesta
che struggea i fior, ed abbattea le piante:
non se ne suol veder simile a questa,
quando giostra aquilone, austro e levante.
Parea che per trovar qualche coperto,
andasse errando invan per un deserto.

82
Intanto l’infelice (e non sa come)
perde la donna sua per l’aer fosco;
onde di qua e di là del suo bel nome
fa risonare ogni campagna e bosco.
E mentre dice indarno: – Misero me!
chi ha cangiata mia dolcezza in tosco? –
ode la donna sua che gli domanda,
piangendo, aiuto, e se gli raccomanda.

83
Onde par ch’esca il grido, va veloce,
e quinci e quindi s’affatica assai.
Oh quanto è il suo dolore aspro ed atroce,
che non può rivedere i dolci rai!
Ecco ch’altronde ode da un’altra voce:
– Non sperar più gioirne in terra mai. –
A questo orribil grido risvegliossi,
e tutto pien di lacrime trovossi.

84
Senza pensar che sian l’immagin false
quando per tema o per disio si sogna,
de la donzella per modo gli calse,
che stimò giunta a danno od a vergogna,
che fulminando fuor del letto salse.
Di piastra e maglia, quanto gli bisogna,
tutto guarnissi, e Brigliadoro tolse;
né di scudiero alcun servigio volse.

85
E per poter entrare ogni sentiero,
che la sua dignità macchia non pigli,
non l’onorata insegna del quartiero,
distinta di color bianchi e vermigli,
ma portar volse un ornamento nero;
e forse acciò ch’al suo dolor simigli:
e quello avea già tolto a uno amostante,
ch’uccise di sua man pochi anni inante.

86
Da mezza notte tacito si parte,
e non saluta e non fa motto al zio;
né al fido suo compagno Brandimarte,
che tanto amar solea, pur dice a Dio.
Ma poi che ‘l Sol con l’auree chiome sparte
del ricco albergo di Titone uscìo
e fe’ l’ombra fugire umida e nera,
s’avide il re che ‘l paladin non v’era.

87
Con suo gran dispiacer s’avede Carlo
che partito la notte è ‘l suo nipote,
quando esser dovea seco e più aiutarlo;
e ritener la colera non puote,
ch’a lamentarsi d’esso, ed a gravarlo
non incominci di biasmevol note:
e minacciar, se non ritorna, e dire
che lo faria di tanto error pentire.

88
Brandimarte, ch’Orlando amava a pare
di sé medesmo, non fece soggiorno;
o che sperasse farlo ritornare,
o sdegno avesse udirne biasmo e scorno;
e volse a pena tanto dimorare,
ch’uscisse fuor ne l’oscurar del giorno.
A Fiordiligi sua nulla ne disse,
perché ‘l disegno suo non gl’impedisse.

89
Era questa una donna che fu molto
da lui diletta, e ne fu raro senza;
di costumi, di grazia e di bel volto
dotata e d’accortezza e di prudenza:
e se licenza or non n’aveva tolto,
fu che sperò tornarle alla presenza
il dì medesmo; ma gli accadde poi,
che lo tardò più dei disegni suoi.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web