Footer menù

Testo del canto 8 (VIII) del poema Orlando Furioso

90
E poi ch’ella aspettato quasi un mese
indarno l’ebbe, e che tornar nol vide,
di desiderio sì di lui s’accese,
che si partì senza compagni o guide;
e cercandone andò molto paese,
come l’istoria al luogo suo dicide.
Di questi dua non vi dico or più inante;
che più m’importa il cavallier d’Anglante.

91
Il qual, poi che mutato ebbe d’Almonte
le gloriose insegne, andò alla porta,
e disse ne l’orecchio: – Io sono il conte –
a un capitan che vi facea la scorta;
e fattosi abassar subito il ponte,
per quella strada che più breve porta
agl’inimici, se n’andò diritto.
Quel che seguì, ne l’altro canto è scritto.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web