Footer menù

Testo del canto 5 (V) del poema Orlando Furioso

1
Tutti gli altri animai che sono in terra,
o che vivon quieti e stanno in pace,
o se vengono a rissa e si fan guerra,
alla femina il maschio non la face:
l’orsa con l’orso al bosco sicura erra,
la leonessa appresso il leon giace;
col lupo vive la lupa sicura,
né la iuvenca ha del torel paura.

2
Ch’abominevol peste, che Megera
è venuta a turbar gli umani petti?
che si sente il marito e la mogliera
sempre garrir d’ingiuriosi detti,
stracciar la faccia e far livida e nera,
bagnar di pianto i geniali letti;
e non di pianto sol, ma alcuna volta
di sangue gli ha bagnati l’ira stolta.

3
Parmi non sol gran mal, ma che l’uom faccia
contra natura e sia di Dio ribello,
che s’induce a percuotere la faccia
di bella donna, o romperle un capello:
ma chi le dà veneno, o chi le caccia
l’alma del corpo con laccio o coltello,
ch’uomo sia quel non crederò in eterno,
ma in vista umana uno spirto de l’inferno.

4
Cotali esser doveano i duo ladroni
che Rinaldo cacciò da la donzella,
da lor condotta in quei scuri valloni
perché non se n’udisse più novella.
Io lasciai ch’ella render le cagioni
s’apparechiava di sua sorte fella
al paladin, che le fu buono amico:
or, seguendo l’istoria, così dico.

5
La donna incominciò: – Tu intenderai
la maggior crudeltade e la più espressa,
ch’in Tebe e in Argo o ch’in Micene mai,
o in loco più crudel fosse commessa.
E se rotando il sole i chiari rai,
qui men ch’all’altre region s’appressa,
credo ch’a noi malvolentieri arrivi,
perché veder sì crudel gente schivi.

6
Ch’agli nemici gli uomini sien crudi,
in ogni età se n’è veduto esempio;
ma dar la morte a chi procuri e studi
il tuo ben sempre, è troppo ingiusto ed empio.
E acciò che meglio il vero io ti denudi,
perché costor volessero far scempio
degli anni verdi miei contra ragione,
ti dirò da principio ogni cagione.

7
Voglio che sappi, signor mio, ch’essendo
tenera ancora, alli servigi venni
de la figlia del re, con cui crescendo,
buon luogo in corte ed onorato tenni.
Crudele Amore, al mio stato invidendo,
fe’ che seguace, ahi lassa! gli divenni:
fe’ d’ogni cavallier, d’ogni donzello
parermi il duca d’Albania più bello.

8
Perché egli mostrò amarmi più che molto,
io ad amar lui con tutto il cor mi mossi.
Ben s’ode il ragionar, si vede il volto,
ma dentro il petto mal giudicar possi.
Credendo, amando, non cessai che tolto
l’ebbi nel letto, e non guardai ch’io fossi
di tutte le real camere in quella
che più secreta avea Ginevra bella;

9
dove tenea le sue cose più care,
e dove le più volte ella dormia.
Si può di quella in s’un verrone entrare,
che fuor del muro al discoperto uscìa.
Io facea il mio amator quivi montare;
e la scala di corde onde salia
io stessa dal verron giù gli mandai
qual volta meco aver lo desiai:

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore visite gratis
Segui la nostra pagina Facebook : se orlandofurioso.com ti è piaciuto, condividi l'esperienza!