Footer menù

NAUFRAGIO di Edmondo De Amicis

Parecchi anni or sono, una mattina del mese di dicembre, salpava dal porto di Liverpool un grande bastimento a vapore, che portava a bordo più di duecento persone, fra le quali settanta uomini d’equipaggio. Il capitano e quasi tutti i marinai erano inglesi. Fra i passeggeri si trovavano vari italiani: tre signore, un prete, una compagnia di suonatori. Il bastimento doveva andare all’isola di Malta. Il tempo era oscuro.

In mezzo ai viaggiatori della terza classe, a prua, c’era un ragazzo italiano d’una dozzina d’anni, piccolo per l’età sua, ma robusto; un bel viso ardimentoso e severo di siciliano. Se ne stava solo vicino all’albero di trinchetto, seduto sopra un mucchio di corde, accanto a una valigia logora, che conteneva la sua roba, e su cui teneva una mano. Aveva il viso bruno e i capelli neri e ondulati che gli scendevan quasi sulle spalle. Era vestito meschinamente, con una coperta lacera sopra le spalle e una vecchia borsa di cuoio a tracolla. Guardava intorno a sé, pensieroso, i passeggieri, il bastimento, i marinai che passavan correndo, e il mare inquieto. Avea l’aspetto d’un ragazzo uscito di fresco da una grande disgrazia di famiglia: il viso d’un fanciullo, l’espressione d’un uomo.

Poco dopo la partenza, uno dei marinai del bastimento, un italiano, coi capelli grigi, comparve a prua conducendo per mano una ragazzina, e fermatosi davanti al piccolo siciliano, gli disse: – Eccoti una compagna di viaggio, Mario.

Poi se n’andò.

La ragazza sedette sul mucchio di corde, accanto al ragazzo.
Si guardarono.
– Dove vai? – le domandò il siciliano.
La ragazza rispose: – A Malta, per Napoli.
Poi soggiunse: – Vado a ritrovar mio padre e mia madre, che m’aspettano. Io mi chiamo Giulietta Faggiani.
Il ragazzo non disse nulla.

Dopo alcuni minuti tirò fuori dalla borsa del pane e delle frutte secche; la ragazza aveva dei biscotti; mangiarono.

– Allegri! – gridò il marinaio italiano passando rapidamente. – Ora si comincia un balletto!

Il vento andava crescendo, il bastimento rullava fortemente. Ma i due ragazzi, che non pativano il mal di mare, non ci badavano. La ragazzina sorrideva. Aveva presso a poco l’età del suo compagno, ma era assai più alta: bruna di viso, sottile, un po’ patita, e vestita più che modestamente. Aveva i capelli tagliati corti e ricciuti, un fazzoletto rosso intorno al capo e due cerchiolini d’argento alle orecchie.

Mangiando, si raccontarono i fatti loro. Il ragazzo non aveva più né padre né madre. Il padre, operaio, gli era morto a Liverpool pochi dì prima, lasciandolo solo, e il console italiano aveva rimandato lui al suo paese, a Palermo, dove gli restavan dei parenti lontani. La ragazzina era stata condotta a Londra, l’anno avanti, da una zia vedova, che l’amava molto, e a cui i suoi parenti, – poveri, – l’avevan concessa per qualche tempo, fidando nella promessa d’un’eredità; ma pochi mesi dopo la zia era morta schiacciata da un omnibus, senza lasciare un centesimo; e allora anch’essa era ricorsa al Console, che l’aveva imbarcata per l’Italia. Tutti e due erano stati raccomandati al marinaio italiano. – Così, – concluse la bambina, – mio padre e mia madre credevano che ritornassi ricca, e invece ritorno povera. Ma tanto mi voglion bene lo stesso. E i miei fratelli pure. Quattro ne ho, tutti piccoli. Io son la prima di casa. Li vesto. Faranno molta festa a vedermi. Entrerò in punta di piedi… Il mare è brutto.

Poi domandò al ragazzo: – E tu vai a stare coi tuoi parenti?
– Sì… se mi vorranno, – rispose.
– Non ti vogliono bene?
– Non lo so.
– Io compisco tredici anni a Natale, – disse la ragazza.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore visite gratis
Segui la nostra pagina Facebook : se orlandofurioso.com ti è piaciuto, condividi l'esperienza!