Footer menù

Sintesi per capitoli del romanzo I Promessi Sposi

SINTESI CAPITOLO 10
Prosegue la storia del personaggio della monaca di Monza: costretta dalla potente e ricca famiglia a prendere i voti, Gertrude non riesce ad adattarsi alla vita del convento. Le attenzioni corrisposte di un uomo senza scrupoli, Egidio, la porteranno anche a commettere un delitto. Le domande poste a Lucia dalla religiosa sono molte indiscrete.

SINTESI CAPITOLO 11
Don Rodrigo viene a sapere del fallimento della missione del Griso, manda quindi l’uomo in paese, a Pescarenico ed infine a Monza per ottenere informazioni su Lucia. Il bravo non farà fatica a ricostruire la storia del matrimonio a sorpresa ed a scoprire che la giovane si trova a Monza sotto la protezione di una potente monaca. Nel frattempo Renzo giunge a Milano nel giorno dei tumulti di San Martino; non trovando in convento il frate che avrebbe dovuto accoglierlo, il giovane segue gli avvenimenti e viene subito risucchiato dalla folla.

SINTESI CAPITOLO 12
Cenni storici sulla carestia ed in particolare sul malgoverno del cancelliere Antonio Ferrer, la storia dei tumulti di San Martino e l’assalto al forno delle Grucce. Renzo segue la folla di piazza in piazza fino davanti alla casa del vicario di provvisione, accusato di essere la causa della carestia e quindi condannato a morte a furor di popolo.

SINTESI CAPITOLO 13
La folla inferocita tenta l’assalto alla casa del vicario di provvisione, arrivano i soldati spagnoli, ma non possono nulla contro l’enorme folla. Interviene infine il cancelliere Ferrer che, sfruttando la propria popolarità, guadagnata con l’istituzione di un prezzo del pane fuori mercato (che accelererà la carestia stessa), penetra tra la folla e porta in salvo l’uomo. Renzo e tra i più attivi nell’aiutare il potente politico.

SINTESI CAPITOLO 14
Al termine della lunga giornata dei tumulti, Renzo viene avvicinato dal fantomatico spadaio Ambrogio Fusella, in realtà informatore della polizia, che si propone di accompagnarlo in un ostello. Entrato nell’osteria della Luna Piena, il giovane si ubriaca, litiga con l’oste e dichiara infine inconsciamente il proprio nome e cognome al compagno. L’informatore della polizia lascia a questo punto la taverna e va a fare rapporto al palazzo di giustizia.

SINTESI CAPITOLO 15
Renzo, completamente ubriaco, viene accompagnato in camera dall’oste, che subito dopo si reca al palazzo di giustizia per denunciarlo per non avergli dichiarato la sua identità. Il mattino dopo due sbirri ed il notaio criminale si presentano all’osteria per arrestare Renzo come fautore dei tumulti. Il notaio cerca di mostrarsi benevolo nei confronti del giovane ma il suo comportamento lo tradisce. Renzo non si lascia ingannare ed appena è fuori dall’osteria, richiama l’attenzione di una folla di persone che interviene liberandolo.

SINTESI CAPITOLO 16
Scappato alla giustizia, Renzo lascia Milano ed inizia un lungo e tormentato viaggio con l’intenzione di raggiungere il cugino Bortolo oltre confine, nel bergamasco. In una osteria di Gorgonzola viene a sapere che è ricercato dalla giustizia come capo della rivolta di Milano: su di lui pende una condanna a morte (come su di altre persone arrestate con la sua stessa accusa).

SINTESI CAPITOLO 17
Renzo prosegue il suo viaggio verso Bergamo. Quando il giovane sta ormai per essere sopraffatto dal terrore dell’oscurità, il rumore del fiume Adda gli dà nuovo vigore e coraggio. Grazie all’aiuto di un pescatore Renzo passa infine il confine ed è finalmente in salvo. Raggiunge quindi il paese del cugino Bortolo, ottiene il suo aiuto e viene assunto come filatore.

SINTESI CAPITOLO 18
Giunto a Lecco il mandato di arresto che pende su Renzo, la casa del giovane viene perquisita. La notizia della sua fuga dalla giustizia arriva anche a Monza e suscita profonda agitazione nelle due donne. Mentre Don Rodrigo, vista la situazione a lui favorevole, è ormai deciso a chiedere l’aiuto dell’Innominato per superare l’ostacolo rappresentato da Gertrude e dal convento stesso, Agnese fa ritorno in paese, per essere aggiornata sugli avvenimenti, ed il conte Attilio si reca a Milano dal conte zio, per chiedergli di fare allontanare padre Cristoforo e favorire così ancora di più l’opera del cugino Rodrigo.

SINTESI CAPITOLO 19
Il conte zio, tra velate minacce e promesse di gratitudine, ottiene dal padre provinciale che padre Cristoforo venga allontanato da Lecco. Pochi giorni dopo il religioso è così costretto a partire per Rimini. Don Rodrigo, allontanato il religioso, con Renzo in esilio ed Agnese lontana dalla figlia, decide infine di chiedere all’Innominato di rapire Lucia. Viene presentata la storia di questo personaggio malvagio: un uomo tanto crudele quanto potente che ha fatto della malvagità una ragione di vita.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore visite gratis
Segui la nostra pagina Facebook : se orlandofurioso.com ti è piaciuto, condividi l'esperienza!