Footer menù

Parafrasi canto 33 (XXXIII) del Purgatorio di Dante

così, dopo avermi preso per mano,
la bella donna subito si mise in viaggio, e a Stazio disse con signorilità:
“Vieni anche tu con lui.”

Caro lettore, anche se avessi un spazio maggiore
su cui scrivere, riuscirei solo in parte ad esprimere
il dolce sapore di quell’acqua, di cui non mi sarei mai saziato;

ma poiché sono ormai tutti pieni i fogli
che avevo preparato per scrivere questa seconda cantica,
il limite di spazio, freno dell’arte, non mi lascia proseguire oltre.

Riemersi da quell’acqua sacra
ringiovanito, come fossi una giovane pianta
rinnovata da giovani fronde,

purificato e finalmente pronto per salire fino alle stelle.

 < Parafrasi Canto 32
No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web