Footer menù

Parafrasi canto 25 (XXV) del Paradiso di Dante

Parafrasi del Canto XXV del Paradiso – Si svolge nell’ VIII Cielo, quello delle Stelle Fisse. Nei primissimi versi Dante si augura l’incoronazione poetica a Firenze. In seguito avviene l’apparizione di San Giacomo (Santiago de Compostela), che esamina Dante sulla speranza. La seconda apparizione è quella di San Giovanni Evangelista; Dante resta abbagliato. San Giovanni sfata la leggenda circa il suo corpo.

Leggi il testo del canto 25 (XXV) del Paradiso di Dante


Se mai avverrà che il sacro poema
nel quale hanno contribuito sia il Cielo sia la Terra,
che mi ha tenuto impegnato per molti anni,

vinca la crudeltà che mi chiude fuori
dal bell’ovile (Firenze) dove io da agnello (bambino) dormii
odiato dai nemici, come lupi che gli fan guerra;

ormai con voce ben diversa, e con altri capelli (invecchiato)
ritornerò lì come poeta, e sulla fronte
del mio battesimo (Battistero di San Giovanni) riceverò la corona di alloro;

poiché lì (a Firenze) io entrai nella fede,
che rende gradite le anime a Dio, e in seguito
Pietro girò intorno alla mia fronte con la sua luce in segno di approvazione.

Poi un’altra luce si mosse verso di noi
da quella corona di beati da dove era uscito il primo
dei vicari di Cristo in Terra;

e Beatrice, piena di gioia,
mi disse: “Guarda, guarda: ecco il santo
per cui sulle Terra si va in pellegrinaggio in Galizia (Santiago de Compostela)”.

come quando il piccione si avvicina
al compagno, l’uno e l’altro manifestano
il proprio affetto, girando e facendo il verso;

così io vidi l’uno (Giacomo) essere accolto
dall’altro (Pietro) principe glorioso,
lodando il cibo spirituale che in paradiso li nutre.

Ma dopo che il vicendevole rallegrarsi fu terminato,
ciascuno in silenzio si fermò davanti a me,
splendente tanto da costringere il mio volto a chinarsi.

Allora Beatrice disse ridendo
“Oh anima gloriosa da cui fu esaltata
la liberalità di questa celeste reggia (paradiso),

in questo cielo fai risuonare la speranza:
tu la conosci bene, poiché tante volte la rappresenti,
quante Gesù mostrò la sua predilezione ai suoi tre apostoli”.

“Alza la testa e lasciati rassicurare;
poiché ciò che arriva quassù dal mondo mortale
c’è bisogno che si perfezioni adeguandosi al nostro splendore”.

Questo incoraggiamento mi arrivò dalla seconda anima
lucente; quando verso i due apostoli io alzai gli occhi,
che prima erano stati costretti ad abbassarsi per il troppo splendore.

“Poiché il nostro imperatore, per singolare grazia,
vuole che tu, prima di morire ti presenti
nell’aula più segreta con la sua corte,

cosicché tu, dopo aver contemplato il paradiso per com’è,
possa ravvivare in te stesso e negli altri, descrivendolo,
la speranza che in terra accende gli animi con l’amore,

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore visite gratis
Segui la nostra pagina Facebook : se orlandofurioso.com ti è piaciuto, condividi l'esperienza!