Footer menù

Testo del canto 36 (XXXVI) del poema Orlando Furioso

60
Concetti foste da Ruggier secondo:
vi fu Galaciella genitrice,
i cui fratelli avendole dal mondo
cacciato il genitor vostro infelice,
senza guardar ch’avesse in corpo il pondo
di voi, ch’usciste pur di lor radice,
la fer, perché s’avesse ad affogare,
s’un debol legno porre in mezzo al mare.

61
Ma Fortuna che voi, ben che non nati,
avea già eletti a gloriose imprese,
fece che ‘l legno ai liti inabitati
sopra le Sirti a salvamento scese;
ove, poi che nel mondo v’ebbe dati,
l’anima eletta al paradiso ascese.
Come Dio volse e fu vostro destino,
a questo caso io mi trovai vicino.

62
Diedi alla madre sepoltura onesta,
qual potea darsi in sì deserta arena;
e voi teneri avolti ne la vesta
meco portai sul monte di Carena;
e mansueta uscir de la foresta
fecie lasciare i figli una leena,
de le cui poppe dieci mesi e dieci
ambi nutrir con molto studio feci.

63
Un giorno che d’andar per la contrada
e da la stanza allontanar m’occorse,
vi sopravenne a caso una masnada
d’Arabi (e ricordarvene de’ forse),
che te, Marfisa, tolser ne la strada,
ma non poter Ruggier, che meglio corse.
Restai de la tua perdita dolente,
e di Ruggier guardian più diligente.

64
Ruggier, se ti guardò, mentre che visse,
il tuo maestro Atlante, tu lo sai.
Di te senti’ predir le stelle fisse,
che tra’ cristiani a tradigion morrai;
e perché il male influsso non seguisse,
tenertene lontan m’affaticai:
né ostare al fin potendo alla tua voglia,
infermo caddi, e mi mori’ di doglia.

65
Ma inanzi a morte, qui dove previdi
che con Marfisa aver pugna dovevi,
feci raccor con infernal sussidi
a formar questa tomba i sassi grevi;
ed a Caron dissi con alti gridi:
– Dopo morte non vo’ lo spirto levi
di questo bosco, fin che non ci giugna
Ruggier con la sorella per far pugna. –

66
Così lo spirto mio per le belle ombre
ha molti dì aspettato il venir vostro:
sì che mai gelosia più non t’ingombre,
o Bradamante, ch’ami Ruggier nostro.
Ma tempo è ormai che de la luce io sgombre,
e mi conduca al tenebroso chiostro. –
Qui si tacque; e a Marfisa ed alla figlia
d’Amon lasciò e a Ruggier gran maraviglia.

67
Riconosce Marfisa per sorella
Ruggier con molto gaudio, ed ella lui;
e ad abbracciarsi, senza offender quella
che per Ruggiero ardea, vanno ambidui:
e rammentando de l’età novella
alcune cose: i’ feci, io dissi, io fui;
vengon trovando con più certo effetto,
tutto esser ver quel c’ha lo spirto detto.

68
Ruggiero alla sorella non ascose
quanto avea nel cor fissa Bradamante;
e narrò con parole affettuose
de le obligazion che le avea tante:
e non cessò, ch’in grand’amor compose
le discordie ch’insieme ebbono avante;
e fe’, per segno di pacificarsi,
ch’umanamente andaro ad abbracciarsi.

69
A domandar poi ritornò Marfisa
chi stato fosse, e di che gente il padre;
e chi l’avesse morto, ed a che guisa,
s’in campo chiuso o fra l’armate squadre;
e chi commesso avea che fosse uccisa
dal mar atroce la misera madre:
che se già l’avea udito da fanciulla,
or ne tenea poca memoria o nulla.

Comments are closed.
contatore accessi web