Footer menù

Testo del canto 34 (XXXIV) del poema Orlando Furioso

30
Queste parole e simili altre usai,
poi che potere in lui mi vidi tanto;
e ‘l più pentito lo rendei, che mai
si trovasse ne l’eremo alcun santo.
Mi cadde a’ piedi, e supplicommi assai,
che col coltel che si levò da canto
(e volea in ogni modo ch’io ‘l pigliassi)
di tanto fallo suo mi vendicassi.

31
Poi ch’io lo trovo tale, io fo disegno
la gran vittoria insin al fin seguire:
gli do speranza di farlo anco degno
che la persona mia potrà fruire,
s’emendando il suo error, l’antiquo regno
al padre mio farà restituire;
e nel tempo a venir vorrà acquistarme
servendo, amando, e non mai più per arme.

32
Così far mi promesse, e ne la rocca
intatta mi mandò, come a lui venni,
né di baciarmi pur s’ardì la bocca:
vedi s’al collo il giogo ben gli tenni;
vedi se bene Amor per me lo tocca,
se convien che per lui più strali impenni.
Al re d’Armenia andò, di cui dovea
esser per patto ciò che si prendea:

33
e con quel miglior modo ch’usar puote,
lo priega ch’al mio padre il regno lassi,
del qual le terre ha depredate e vote,
ed a goder l’antiqua Armenia passi.
Quel re, d’ira infiammando ambe le gote,
disse ad Alceste che non vi pensassi;
che non si volea tor da quella guerra,
fin che mio padre avea palmo di terra.

34
E s’Alceste è mutato alle parole
d’una vil feminella, abbiasi il danno.
Già a’ prieghi esso di lui perder non vuole
quel ch’a fatica ha preso in tutto un anno.
Di nuovo Alceste il priega, e poi si duole
che seco effetto i prieghi suoi non fanno.
All’ultimo s’adira, e lo minaccia
che vuol, per forza o per amor, lo faccia.

35
L’ira multiplicò sì, che li spinse
da le male parole ai peggior fatti.
Alceste contra il re la spada strinse
fra mille ch’in suo aiuto s’eran tratti,
e mal grado lor tutti, ivi l’estinse;
e quel dì ancor gli Armeni ebbe disfatti,
con l’aiuto de’ Cilici e de’ Traci
che pagava egli, e d’altri suoi seguaci.

36
Seguitò la vittoria, ed a sue spese,
senza dispendio alcun del padre mio,
ne rendé tutto il regno in men d’un mese.
Poi per ricompensarne il danno rio,
oltr’alle spoglie che ne diede, prese
in parte, e gravò in parte di gran fio
Armenia e Capadocia che confina,
e scorse Ircania fin su la marina.

37
In luogo di trionfo, al suo ritorno,
facemmo noi pensier dargli la morte.
Restammo poi, per non ricever scorno;
che lo veggiàn troppo d’amici forte.
Fingo d’amarlo, e più di giorno in giorno
gli do speranza d’essergli consorte;
ma prima contra altri nimici nostri
dico voler che sua virtù dimostri.

38
E quando sol, quando con poca gente
lo mando a strane imprese e perigliose,
da farne morir mille agevolmente:
ma lui successer ben tutte le cose;
che tornò con vittoria, e fu sovente
con orribil persone e mostruose,
con Griganti a battaglia e Lestrigoni,
ch’erano infesti a nostre regioni.

39
Non fu da Euristeo mai, non fu mai tanto
da la matrigna esercitato Alcide
in Lerna, in Nemea, in Tracia, in Erimanto,
alle valli d’Etolia, alle Numide,
sul Tevre, su l’Ibero e altrove; quanto
con prieghi finti e con voglie omicide
esercitato fu da me il mio amante,
cercando io pur di torlomi davante.

Comments are closed.
contatore accessi web