Footer menù

Testo del canto 28 (XXVIII) del poema Orlando Furioso

70
Domandò lor perdono, che d’amore
ch’a un giovinetto avea portato, spinta,
e da pietà d’un tormentato core
che molto avea per lei patito, vinta,
caduta era la notte in quello errore;
e seguitò, senza dir cosa finta,
come tra lor con speme si condusse,
ch’ambi credesson che ‘l compagno fusse.

71
Il re e Iocondo si guardaro in viso,
di maraviglia e di stupor confusi;
né d’aver anco udito lor fu aviso,
ch’altri duo fusson mai così delusi.
Poi scoppiaro ugualmente in tanto riso,
che con la bocca aperta e gli occhi chiusi,
potendo a pena il fiato aver del petto,
a dietro si lasciar cader sul letto.

72
Poi ch’ebbon tanto riso, che dolere
se ne sentiano il petto, e pianger gli occhi,
disson tra lor: – Come potremo avere
guardia, che la moglier non ne l’accocchi,
se non giova tra duo questa tenere,
e stretta sì, che l’uno e l’altro tocchi?
Se più che crini avesse occhi il marito,
non potria far che non fosse tradito.

73
Provate mille abbiamo, e tutte belle;
né di tante una è ancor che ne contraste.
Se provian l’altre, fian simili anch’elle;
ma per ultima prova costei baste.
Dunque possiamo creder che più felle
non sien le nostre, o men de l’altre caste:
e se son come tutte l’altre sono,
che torniamo a godercile fia buono. –

74
Conchiuso ch’ebbon questo, chiamar fero
per Fiammetta medesima il suo amante;
e in presenza di molti gli la diero
per moglie, e dote gli fu bastante.
Poi montaro a cavallo, e il lor sentiero
ch’era a ponente, volsero a levante;
ed alle mogli lor se ne tornaro,
di ch’affanno mai più non si pigliaro. –

75
L’ostier qui fine alla sua istoria pose,
che fu con molta attenzione udita.
Udilla il Saracin, né gli rispose
parola mai, fin che non fu finita.
Poi disse: – Io credo ben che de l’ascose
feminil frode sia copia infinita;
né si potria de la millesma parte
tener memoria con tutte le carte. –

76
Quivi era un uom d’età, ch’avea più retta
opinion degli altri, e ingegno e ardire;
e non potendo ormai, che sì negletta
ogni femina fosse, più patire,
si volse a quel ch’avea l’istoria detta,
e gli disse: – Assai cose udimo dire,
che veritade in sé non hanno alcuna:
e ben di queste è la tua favola una.

77
A chi te la narrò non do credenza,
s’evangelista ben fosse nel resto;
ch’opinione, più ch’esperienza
ch’abbia di donne, lo facea dir questo.
L’avere ad una o due malivolenza,
fa ch’odia e biasma l’altre oltre all’onesto;
ma se gli passa l’ira, io vo’ tu l’oda,
più ch’ora biasmo, anco dar lor gran loda.

78
E se vorrà lodarne, avra maggiore
il campo assai, ch’a dirne mal non ebbe:
di cento potrà dir degne d’onore
verso una trista che biasmar si debbe.
Non biasmar tutte, ma serbarne fuore
la bontà d’infinite si dovrebbe;
e se ‘l Valerio tuo disse altrimente,
disse per ira, e non per quel che sente.

79
Ditemi un poco: è di voi forse alcuno
ch’abbia servato alla sua moglie fede?
che nieghi andar, quando gli sia oportuno,
all’altrui donna, e darle ancor mercede?
credete in tutto ‘l mondo trovarne uno?
chi ‘l dice, mente; e folle è ben chi ‘l crede.
Trovatene vo’ alcuna che vi chiami?
(non parlo de le publiche ed infami).

Comments are closed.
contatore accessi web