Footer menù

Testo del canto 28 (XXVIII) del poema Orlando Furioso

50
Gli è meglio una trovarne che di faccia
e di costumi ad ambi grata sia;
che lor communemente sodisfaccia,
e non n’abbin d’aver mai gelosia.
– E perché (dicea il re) vo’ che mi spiaccia
aver più te ch’un altro in compagnia?
So ben ch’in tutto il gran femineo stuolo
una non è che stia contenta a un solo.

51
Una, senza sforzar nostro potere,
ma quando il natural bisogno inviti,
in festa goderemoci e in piacere,
che mai contese non avren né liti.
Né credo che si debba ella dolere:
che s’anco ogn’altra avesse duo mariti,
più ch’ad un solo, a duo saria fedele;
né forse s’udirian tante querele. –

52
Di quel che disse il re, molto contento
rimaner parve il giovine romano.
Dunque fermati in tal proponimento,
cercar molte montagne e molto piano:
trovaro al fin, secondo il loro intento,
una figliuola d’uno ostiero ispano,
che tenea albergo al porto di Valenza,
bella di modi e bella di presenza.

53
Era ancor sul fiorir di primavera
sua tenerella e quasi acerba etade.
Di molti figli il padre aggravat’era,
e nimico mortal di povertade;
sì ch’a disporlo fu cosa leggiera,
che desse lor la figlia in potestade;
ch’ove piacesse lor potesson trarla,
poi che promesso avean di ben trattarla.

54
Pigliano la fanciulla, e piacer n’hanno
or l’un or l’altro in caritade e in pace,
come a vicenda i mantici che danno,
or l’uno or l’altro, fiato alla fornace.
Per veder tutta Spagna indi ne vanno,
e passar poi nel regno di Siface;
e ‘l dì che da Valenza si partiro,
ad albergare a Zattiva veniro.

55
I patroni a veder strade e palazzi
ne vanno, e lochi publici e divini;
ch’usanza han di pigliar simil solazzi
in ogni terra ove entran peregrini;
e la fanciulla resta coi ragazzi.
Altri i letti, altri acconciano i ronzini,
altri hanno cura che sia alla tornata
dei signor lor la cena apparecchiata.

56
Ne l’albergo un garzon stava per fante,
ch’in casa de la giovene già stette
a’ servigi del padre, e d’essa amante
fu da’ primi anni, e del suo amor godette.
Ben s’adocchiar, ma non ne fer sembiante,
ch’esser notato ognun di lor temette:
ma tosto ch’i patroni e la famiglia
lor dieron luogo, alzar tra lor le ciglia.

57
Il fante domandò dove ella gisse,
e qual dei duo signor l’avesse seco.
A punto la Fiammetta il fatto disse
(così avea nome, e quel garzone il Greco).
– Quando sperai che ‘l tempo ohimè! venisse
(il Greco le dicea) di viver teco,
Fiammetta, anima mia, tu te ne vai,
e non so più di rivederti mai.

58
Fannosi i dolci miei disegni amari,
poi che sei d’altri, e tanto mi ti scosti.
Io disegnava, avendo alcun’ danari
con gran fatica e gran sudor riposti,
ch’avanzato m’avea de’ miei salari
e de le bene andate di molti osti,
di tornare a Valenza, e domandarti
al padre tuo per moglie, e di sposarti. –

59
La fanciulla negli omeri si stringe,
e risponde che fu tardo a venire.
Piange il Greco e sospira, e parte finge:
– Vuommi (dice) lasciar così morire?
Con le tuo braccia i fianchi almen mi cinge,
lasciami disfogar tanto desire:
ch’inanzi che tu parta, ogni momento
che teco io stia mi fa morir contento. –

Comments are closed.
contatore accessi web