Footer menù

Testo del canto 28 (XXVIII) del poema Orlando Furioso

10
E la difficultà saria maggiore
a poterlo spiccar da la mogliere,
con cui legato era di tanto amore,
che non volendo lei, non può volere.
Pur per ubbidir lui che gli è signore,
disse d’andare e fare oltre il potere.
Giunse il re a’ prieghi tali offerte e doni,
che di negar non gli lasciò ragioni.

11
Partisse, e in pochi giorni ritrovosse
dentro di Roma alle paterne case.
Quivi tanto pregò, che ‘l fratel mosse
sì ch’a venire al re gli persuase;
e fece ancor (ben che difficil fosse)
che la cognata tacita rimase,
proponendole il ben che n’usciria,
oltre ch’obligo sempre egli l’avria.

12
Fisse Iocondo alla partita il giorno:
trovò cavalli e servitori intanto;
vesti fe’ far per comparire adorno,
che talor cresce una beltà un bel manto.
La notte a lato, e ‘l dì la moglie intorno,
con gli occhi ad or ad or pregni di pianto,
gli dice che non sa come patire
potrà tal lontananza e non morire;

13
che pensandovi sol, da la radice
sveller si sente il cor nel lato manco.
– Deh, vita mia, non piagnere (le dice
Iocondo, e seco piagne egli non manco);
così mi sia questo camin felice,
come tornar vo’ fra duo mesi almanco:
né mi faria passar d’un giorno il segno,
se mi donasse il re mezzo il suo regno.-

14
Né la donna perciò si riconforta:
dice che troppo termine si piglia;
e s’al ritorno non la trova morta,
esser non può se non gran maraviglia.
Non lascia il duol che giorni e notte porta,
che gustar cibo, e chiuder possa ciglia;
tal che per la pietà Iocondo spesso
si pente ch’al fratello abbia promesso.

15
Dal collo un suo monile ella si sciolse,
ch’una crocetta avea ricca di gemme,
e di sante reliquie che raccolse
in molti luoghi un peregrin boemme;
ed il padre di lei, ch’in casa il tolse
tornando infermo, di Ierusalemme,
venendo a morte poi ne lasciò erede:
questa levossi ed al marito diede.

16
E che la porti per suo amore al collo
lo prega, sì che ognor gli ne sovenga.
Piacque il dono al marito, ed accettollo;
non perché dar ricordo gli convenga:
che né tempo né assenza mai dar crollo,
né buona o ria fortuna che gli avenga,
potrà a quella memoria salda e forte
c’ha di lei sempre, e avrà dopo la morte.

17
La notte ch’andò inanzi a quella aurora
che fu il termine estremo alla partenza,
al suo Iocondo par ch’in braccio muora
la moglie, che n’ha tosto da star senza.
Mai non si dorme; e inanzi al giorno un’ora
viene il marito all’ultima licenza.
Montò a cavallo e si partì in effetto;
e la moglier si ricorcò nel letto.

18
Iocondo ancor duo miglia ito non era,
che gli venne la croce raccordata,
ch’avea sotto il guancial messo la sera,
poi per oblivion l’avea lasciata.
– Lasso! (dicea tra sé) di che maniera
troverò scusa che mi sia accettata,
che mia moglie non creda che gradito
poco da me sia l’amor suo infinito? –

19
Pensa la scusa, e poi gli cade in mente
che non sarà accettabile né buona,
mandi famigli, mandivi altra gente,
s’egli medesmo non vi va in persona.
Si ferma, e al fratel dice: – Or pianamente
fin a Baccano al primo albergo sprona;
che dentro a Roma è forza ch’io rivada:
e credo anco di giugnerti per strada.

Comments are closed.
contatore accessi web