Footer menù

Testo del canto 18 (XVIII) del poema Orlando Furioso

150
Perché fanciullo io sia, non creder farme
però fuggire, o che ‘l quartier ti dia:
la vita mi torrai, se mi toi l’arme;
ma spero in Dio ch’anzi il contrario fia.
Sia quel che vuol, non potrà alcun biasmarme
che mai traligni alla progenie mia. –
Così dicendo, con la spada in mano
assalse il cavallier da Montalbano.

151
Un timor freddo tutto ‘l sangue oppresse,
che gli Africani aveano intorno al core,
come vider Rinaldo che si messe
con tanta rabbia incontra a quel signore,
con quanta andria un leon ch’al prato avesse
visto un torel ch’ancor non senta amore.
Il primo che ferì, fu ‘l Saracino;
ma picchiò invan su l’elmo di Mambrino.

152
Rise Rinaldo, e disse: – Io vo’ tu senta,
s’io so meglio di te trovar la vena. –
Sprona, e a un tempo al destrier la briglia allenta,
e d’una punta con tal forza mena,
d’una punta ch’al petto gli appresenta,
che gli la fa apparir dietro alla schena.
Quella trasse, al tornar, l’alma col sangue:
di sella il corpo uscì freddo ed esangue.

153
Come purpureo fior languendo muore,
che ‘l vomere al passar tagliato lassa;
o come carco di superchio umore
il papaver ne l’orto il capo abbassa:
così, giù de la faccia ogni colore
cadendo, Dardinel di vita passa;
passa di vita, e fa passar con lui
l’ardire e la virtù de tutti i sui.

154
Qual soglion l’acque per umano ingegno
stare ingorgate alcuna volta e chiuse,
che quando lor vien poi rotto il sostegno,
cascano, e van con gran rumor difuse;
tal gli African, ch’avean qualche ritegno
mentre virtù lor Dardinello infuse,
ne vanno or sparti in questa parte e in quella,
che l’han veduto uscir morto di sella.

155
Chi vuol fuggir, Rinaldo fuggir lassa,
ed attende a cacciar chi vuol star saldo.
Si cade ovunque Ariodante passa,
che molto va quel dì presso a Rinaldo.
Altri Lionetto, altri Zerbin fracassa,
a gara ognuno a far gran prove caldo.
Carlo fa il suo dover, lo fa Oliviero,
Turpino e Guido e Salamone e Ugiero.

156
I Mori fur quel giorno in gran periglio
che ‘n Pagania non ne tornasse testa;
ma ‘l saggio re di Spagna dà di piglio,
e se ne va con quel che in man gli resta.
Restar in danno tien miglior consiglio,
che tutti i denar perdere e la vesta:
meglio è ritrarsi e salvar qualche schiera,
che, stando, esser cagion che ‘l tutto pèra.

157
Verso gli alloggiamenti i segni invia,
ch’eron serrati d’argine e di fossa,
con Stordilan, col re d’Andologia,
col Portughese in una squadra grossa.
Manda a pregar il re di Barbaria,
che si cerchi ritrar meglio che possa;
e se quel giorno la persona e ‘l loco
potrà salvar, non avrà fatto poco.

158
Quel re che si tenea spacciato al tutto,
né mai credea più riveder Biserta,
che con viso sì orribile e sì brutto
unquanco non avea Fortuna esperta,
s’allegrò che Marsilio avea ridutto
parte del campo in sicurezza certa:
ed a ritrarsi cominciò, e a dar volta
alle bandiere, e fe’ sonar raccolta.

159
Ma la più parte de la gente rotta
né tromba né tambur né segno ascolta:
tanta fu la viltà, tanta la dotta,
ch’in Senna se ne vide affogar molta.
Il re Agramante vuol ridur la frotta:
seco ha Sobrino, e van scorrendo in volta;
e con lor s’affatica ogni buon duca,
che nei ripari il campo si riduca.

Comments are closed.
contatore accessi web