Footer menù

Testo del canto 10 (X) del poema Orlando Furioso

10
Di sopra io vi dicea ch’una figliuola
del re di Frisa quivi hanno trovata,
che fia, per quanto n’han mosso parola,
da Bireno al fratel per moglie data.
Ma, a dire il vero, esso v’avea la gola;
che vivanda era troppo delicata:
e riputato avria cortesia sciocca,
per darla altrui, levarsela di bocca.

11
La damigella non passava ancora
quattordici anni, ed era bella e fresca,
come rosa che spunti alora alora
fuor de la buccia e col sol nuovo cresca.
Non pur di lei Bireno s’innamora,
ma fuoco mai così non accese esca,
né se lo pongan l’invide e nimiche
mani talor ne le mature spiche;

12
come egli se n’accese immantinente,
come egli n’arse fin ne le medolle,
che sopra il padre morto lei dolente
vide di pianto il bel viso far molle.
E come suol, se l’acqua fredda sente,
quella restar che prima al fuoco bolle;
così l’ardor ch’accese Olimpia, vinto
dal nuovo successore, in lui fu estinto.

13
Non pur sazio di lei, ma fastidito
n’è già così, che può vederla a pena;
e sì de l’altra acceso ha l’appetito,
che ne morrà se troppo in lungo il mena:
pur fin che giunga il dì c’ha statuito
a dar fine al disio, tanto l’affrena,
che par ch’adori Olimpia, non che l’ami,
e quel che piace a lei, sol voglia e brami.

14
E se accarezza l’altra (che non puote
far che non l’accarezzi più del dritto),
non è chi questo in mala parte note;
anzi a pietade, anzi a bontà gli è ascritto:
che rilevare un che Fortuna ruote
talora al fondo, e consolar l’afflitto,
mai non fu biasmo, ma gloria sovente;
tanto più una fanciulla, una innocente.

15
Oh sommo Dio, come i giudìci umani
spesso offuscati son da un nembo oscuro!
i modi di Bireno empi e profani,
pietosi e santi riputati furo.
I marinari, già messo le mani
ai remi, e sciolti dal lito sicuro,
portavan lieti pei salati stagni
verso Selandia il duca e i suoi compagni.

16
Già dietro rimasi erano e perduti
tutti di vista i termini d’Olanda
(che per non toccar Frisa, più tenuti
s’eran vêr Scozia alla sinistra banda),
quando da un vento fur sopravenuti,
ch’errando in alto mar tre dì li manda.
Sursero il terzo, già presso alla sera,
dove inculta e deserta un’isola era.

17
Tratti che si fur dentro un picciol seno,
Olimpia venne in terra; e con diletto
in compagnia de l’infedel Bireno
cenò contenta e fuor d’ogni sospetto:
indi con lui, là dove in loco ameno
teso era un padiglione, entrò nel letto.
Tutti gli altri compagni ritornaro,
e sopra i legni lor si riposaro.

18
Il travaglio del mare e la paura
che tenuta alcun dì l’aveano desta,
il ritrovarsi al lito ora sicura,
lontana da rumor ne la foresta,
e che nessun pensier, nessuna cura,
poi che ‘l suo amante ha seco, la molesta;
fur cagion ch’ebbe Olimpia sì gran sonno,
che gli orsi e i ghiri aver maggior nol ponno.

19
Il falso amante che i pensati inganni
veggiar facean, come dormir lei sente,
pian piano esce del letto, e de’ suoi panni
fatto un fastel, non si veste altrimente;
e lascia il padiglione; e come i vanni
nati gli sian, rivola alla sua gente,
e li risveglia; e senza udirsi un grido,
fa entrar ne l’alto e abandonare il lido.

Comments are closed.
contatore accessi web