Footer menù

Testo del canto 10 (X) del poema Orlando Furioso

100
Ecco apparir lo smisurato mostro
mezzo ascoso ne l’onda e mezzo sorto.
Come sospinto suol da borea o d’ostro
venir lungo navilio a pigliar porto,
così ne viene al cibo che l’è mostro
la bestia orrenda; e l’intervallo è corto.
La donna è mezza morta di paura;
né per conforto altrui si rassicura.

101
Tenea Ruggier la lancia non in resta,
ma sopra mano, e percoteva l’orca.
Altro non so che s’assimigli a questa,
ch’una gran massa che s’aggiri e torca;
né forma ha d’animal, se non la testa,
c’ha gli occhi e i denti fuor, come di porca.
Ruggier in fronte la ferìa tra gli occhi;
ma par che un ferro o un duro sasso tocchi.

102
Poi che la prima botta poco vale,
ritorna per far meglio la seconda.
L’orca, che vede sotto le grandi ale
l’ombra di qua e di là correr su l’onda,
lascia la preda certa litorale,
e quella vana segue furibonda:
dietro quella si volve e si raggira.
Ruggier giù cala, e spessi colpi tira.

103
Come d’alto venendo aquila suole,
ch’errar fra l’erbe visto abbia la biscia,
o che stia sopra un nudo sasso al sole,
dove le spoglie d’oro abbella e liscia;
non assalir da quel lato la vuole
onde la velenosa e soffia e striscia,
ma da tergo la adugna, e batte i vanni,
acciò non se le volga e non la azzanni:

104
così Ruggier con l’asta e con la spada,
non dove era de’ denti armato il muso,
ma vuol che ‘l colpo tra l’orecchie cada,
or su le schene, or ne la coda giuso.
Se la fera si volta, ei muta strada,
ed a tempo giù cala, e poggia in suso:
ma come sempre giunga in un diaspro,
non può tagliar lo scoglio duro ed aspro.

105
Simil battaglia fa la mosca audace
contra il mastin nel polveroso agosto,
o nel mese dinanzi o nel seguace,
l’uno di spiche e l’altro pien di mosto:
negli occhi il punge e nel grifo mordace,
volagli intorno e gli sta sempre accosto;
e quel suonar fa spesso il dente asciutto:
ma un tratto che gli arrivi, appaga il tutto.

106
Sì forte ella nel mar batte la coda,
che fa vicino al ciel l’acqua inalzare;
tal che non sa se l’ale in aria snoda,
o pur se ‘l suo destrier nuota nel mare.
Gli è spesso che disia trovarsi a proda;
che se lo sprazzo in tal modo ha a durare,
teme sì l’ale inaffi all’ippogrifo,
che brami invano avere o zucca o schifo.

107
Prese nuovo consiglio, e fu il migliore,
di vincer con altre arme il mostro crudo:
abbarbagliar lo vuol con lo splendore
ch’era incantato nel coperto scudo.
Vola nel lito; e per non fare errore,
alla donna legata al sasso nudo
lascia nel minor dito de la mano
l’annel, che potea far l’incanto vano:

108
dico l’annel che Bradamante avea,
per liberar Ruggier, tolto a Brunello,
poi per trarlo di man d’Alcina rea,
mandato in India per Melissa a quello.
Melissa (come dianzi io vi dicea)
in ben di molti adoperò l’annello;
indi l’avea a Ruggier restituito,
dal qual poi sempre fu portato in dito.

109
Lo dà ad Angelica ora, perché teme
che del suo scudo il fulgurar non viete,
e perché a lei ne sien difesi insieme
gli occhi che già l’avean preso alla rete.
Or viene al lito e sotto il ventre preme
ben mezzo il mar la smisurata cete.
Sta Ruggiero alla posta, e lieva il velo;
e par ch’aggiunga un altro sole al cielo.

Comments are closed.
contatore accessi web