Footer menù

Testo del canto 7 (VII) del poema Orlando Furioso

60
Se non ti muovon le tue proprie laudi,
e l’opre e scelse a chi t’ha il cielo eletto,
la tua succession perché defraudi
del ben che mille volte io t’ho predetto?
deh, perché il ventre eternamente claudi,
dove il ciel vuol che sia per te concetto
la gloriosa e soprumana prole
ch’esser de’ al mondo più chiara che ‘l sole?

61
Deh non vietar che le più nobil alme,
che sian formate ne l’eterne idee,
di tempo in tempo abbian corporee salme
dal ceppo che radice in te aver dee!
Deh non vietar mille trionfi e palme,
con che, dopo aspri danni e piaghe ree,
tuoi figli, tuoi nipoti e successori
Italia torneran nei primi onori!

62
Non ch’a piegarti a questo tante e tante
anime belle aver dovesson pondo,
che chiare, illustri, inclite, invitte e sante
son per fiorir da l’arbor tuo fecondo;
ma ti dovria un coppia esser bastante:
Ippolito e il fratel; che pochi il mondo
ha tali avuti ancor fin al dì d’oggi,
per tutti i gradi onde a virtù si poggi.

63
Io solea più di questi dui narrarti,
ch’io non facea di tutti gli altri insieme;
sì perché essi terran le maggior parti,
che gli altri tuoi, ne le virtù supreme;
sì perché al dir di lor mi vedea darti
più attenzion, che d’altri del tuo seme:
vedea goderti che sì chiari eroi
esser dovessen dei nipoti tuoi.

64
Che ha costei che t’hai fatto regina,
che non abbian mill’altre meretrici?
costei che di tant’altri è concubina,
ch’al fin sai ben s’ella suol far felici.
Ma perché tu conosca chi sia Alcina,
levatone le fraudi e gli artifici,
tien questo annello in dito, e torna ad ella,
ch’aveder ti potrai come sia bella. –

65
Ruggier si stava vergognoso e muto
mirando in terra, e mal sapea che dire;
a cui la maga nel dito minuto
pose l’annello, e lo fe’ risentire.
Come Ruggiero in sé fu rivenuto,
di tanto scorno si vide assalire,
ch’esser vorria sotterra mille braccia,
ch’alcun veder non lo potesse in faccia.

66
Ne la sua prima forma in uno istante,
così parlando, la maga rivenne;
né bisognava più quella d’Atlante,
seguitone l’effetto per che venne.
Per dirvi quel ch’io non vi dissi inante,
costei Melissa nominata venne,
ch’or diè a Ruggier di sé notizia vera,
e dissegli a che effetto venuta era;

67
mandata da colei, che d’amor piena
sempre il disia, né più può starne senza,
per liberarlo da quella catena
di che lo cinse magica violenza:
e preso avea d’Atlante di Carena
la forma, per trovar meglio credenza.
Ma poi ch’a sanità l’ha ormai ridutto,
gli vuole aprire e far che veggia il tutto.

68
– Quella donna gentil che t’ama tanto,
quella che del tuo amor degna sarebbe,
a cui, se non ti scorda, tu sai quanto
tua libertà, da lei servata, debbe;
questo annel che ripara ad ogni incanto,
ti manda: e così il cor mandato avrebbe,
s’avesse avuto il cor così virtute,
come l’annello, atta alla tua salute. –

69
E seguitò narrandogli l’amore
che Bradamante gli ha portato e porta;
di questa insieme comendò il valore,
in quanto il vero e l’affezion comporta;
ed usò modo e termine migliore
che si convenga a messaggera accorta:
ed in quel odio Alcina a Ruggier pose,
in che soglionsi aver l’orribil cose.

Comments are closed.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web