Footer menù

Testo del canto 7 (VII) del poema Orlando Furioso

50
Credo fosse un Alchino o un Farfarello,
che da l’Inferno in quella forma trasse;
e scinta e scalza montò sopra a quello,
a chiome sciolte e orribilmente passe:
ma ben di dito si levò l’annello,
perché gl’incanti suoi non le vietasse.
Poi con tal fretta andò, che la matina
si ritrovò ne l’isola d’Alcina.

51
Quivi mirabilmente transmutosse:
s’accrebbe più d’un palmo di statura,
e fe’ le membra a proporzion più grosse;
e restò a punto di quella misura
che si pensò che ‘l negromante fosse,
quel che nutrì Ruggier con sì gran cura.
Vestì di lunga barba le mascelle,
e fe’ crespa la fronte e l’altra pelle.

52
Di faccia, di parole e di sembiante
sì lo seppe imitar, che totalmente
potea parer l’incantator Atlante.
Poi si nascose, e tanto pose mente,
che da Ruggiero allontanar l’amante
Alcina vide un giorno finalmente:
e fu gran sorte; che di stare o d’ire
senza esso un’ora potea mal patire.

53
Soletto lo trovò, come lo volle,
che si godea il matin fresco e sereno
lungo un bel rio che discorrea d’un colle
verso un laghetto limpido ed ameno.
Il suo vestir delizioso e molle
tutto era d’ozio e di lascivia pieno,
che de sua man gli avea di seta e d’oro
tessuto Alcina con sottil lavoro.

54
Di ricche gemme un splendido monile
gli discendea dal collo in mezzo il petto;
e ne l’uno e ne l’altro già virile
braccio girava un lucido cerchietto.
Gli avea forato un fil d’oro sottile
ambe l’orecchie, in forma d’annelletto;
e due gran perle pendevano quindi,
qua’ mai non ebbon gli Arabi né gl’Indi.

55
Umide avea l’innanellate chiome
de’ più suavi odor che sieno in prezzo:
tutto ne’ gesti era amoroso, come
fosse in Valenza a servir donne avezzo:
non era in lui di sano altro che ‘l nome;
corrotto tutto il resto, e più che mézzo.
Così Ruggier fu ritrovato, tanto
da l’esser suo mutato per incanto.

56
Ne la forma d’Atlante se gli affaccia
colei, che la sembianza ne tenea,
con quella grave e venerabil faccia
che Ruggier sempre riverir solea,
con quello occhio pien d’ira e di minaccia,
che sì temuto già fanciullo avea;
dicendo: – È questo dunque il frutto ch’io
lungamente atteso ho del sudor mio?

57
Di medolle già d’orsi e di leoni
ti porsi io dunque li primi alimenti;
t’ho per caverne ed orridi burroni
fanciullo avezzo a strangolar serpenti,
pantere e tigri disarmar d’ungioni
ed a vivi cingial trar spesso i denti,
acciò che, dopo tanta disciplina,
tu sii l’Adone o l’Atide d’Alcina?

58
È questo, quel che l’osservate stelle,
le sacre fibre e gli accoppiati punti,
responsi, auguri, sogni e tutte quelle
sorti, ove ho troppo i miei studi consunti,
di te promesso sin da le mammelle
m’avean, come quest’anni fusser giunti:
ch’in arme l’opre tue così preclare
esser dovean, che sarian senza pare?

59
Questo è ben veramente alto principio
onde si può sperar che tu sia presto
a farti un Alessandro, un Iulio, un Scipio!
Chi potea, ohimè! di te mai creder questo,
che ti facessi d’Alcina mancipio?
E perché ognun lo veggia manifesto,
al collo ed alle braccia hai la catena
con che ella a voglia sua preso ti mena.

Comments are closed.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web