Footer menù

Testo del canto 2 (II) del poema Orlando Furioso

70
Così dicendo, alla cima superna
del solitario monte il destrier caccia,
mirando pur s’alcuna via discerna,
come lei possa tor da la sua traccia.
Ecco nel sasso truova una caverna,
che si profonda più di trenta braccia.
Tagliato a picchi ed a scarpelli il sasso
scende giù al dritto, ed ha una porta al basso.

71
Nel fondo avea una porta ampla e capace,
ch’in maggior stanza largo adito dava;
e fuor n’uscìa splendor, come di face
ch’ardesse in mezzo alla montana cava.
Mentre quivi il fellon suspeso tace,
la donna, che da lungi il seguitava
(perché perderne l’orme si temea),
alla spelonca gli sopragiungea.

72
Poi che si vide il traditore uscire,
quel ch’avea prima disegnato, invano,
o da sé torla, o di farla morire,
nuovo argumento imaginossi e strano.
Le si fe’ incontra, e su la fe’ salire
là dove il monte era forato e vano;
e le disse ch’avea visto nel fondo
una donzelIa di viso giocondo.

73
Ch’a’ bei sembianti ed alla ricca vesta
esser parea di non ignobil grado;
ma quanto più potea turbata e mesta,
mostrava esservi chiusa suo mal grado:
e per saper la condizion di questa,
ch’avea già cominciato a entrar nel guado;
e ch’era uscito de l’interna grotta
un che dentro a furor l’avea ridotta.

74
Bradamante, che come era animosa,
così mal cauta, a Pinabel diè fede;
e d’aiutar la donna, disiosa,
si pensa come por colà giù il piede.
Ecco d’un olmo alla cima frondosa
volgendo gli occhi, un lungo ramo vede;
e con la spada quel subito tronca,
e lo declina giù ne la spelonca.

75
Dove è tagliato, in man lo raccomanda
a Pinabello, e poscia a quel s’apprende:
prima giù i piedi ne la tana manda,
e su le braccia tutta si suspende.
Sorride Pinabello, e le domanda
come ella salti; e le man apre e stende,
dicendole: – Qui fosser teco insieme
tutti li tuoi, ch’io ne spegnessi il seme! –

76
Non come volse Pinabello avvenne
de l’innocente giovane la sorte;
perché, giù diroccando a ferir venne
prima nel fondo il ramo saldo e forte.
Ben si spezzò, ma tanto la sostenne,
che ‘l suo favor la liberò da morte.
Giacque stordita la donzella alquanto,
come io vi seguirò ne l’altro canto.

Comments are closed.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web