Footer menù

Testo del canto 2 (II) del poema Orlando Furioso

60
E poi ch’al fin le parve esserne chiara,
gli disse: – Cavallier, datti riposo,
che ben può la mia giunta esserti cara,
parerti questo giorno aventuroso.
Andiam pur tosto a quella stanza avara,
che sì ricco tesor ci tiene ascoso;
né spesa sarà invan questa fatica,
se fortuna non m’è troppo nemica. –

61
Rispose il cavallier: – Tu vòi ch’io passi
di nuovo i monti, e mostriti la via?
A me molto non è perdere i passi,
perduta avendo ogni altra cosa mia;
ma tu per balze e ruinosi sassi
cerchi entrar in pregione; e così sia.
Non hai di che dolerti di me, poi
ch’io tel predico, e tu pur gir vi vòi. –

62
Così dice egli, e torna al suo destriero,
e di quella animosa si fa guida,
che si mette a periglio per Ruggiero,
che la pigli quel mago o che la ancida.
In questo, ecco alle spalle il messaggero,
ch’: – Aspetta, aspetta! – a tutta voce grida,
il messagger da chi il Circasso intese
che costei fu ch’all’erba lo distese.

63
A Bradamante il messagger novella
di Mompolier e di Narbona porta,
ch’alzato gli stendardi di Castella
avean, con tutto il lito d’Acquamorta;
e che Marsilia, non v’essendo quella
che la dovea guardar, mal si conforta,
e consiglio e soccorso le domanda
per questo messo, e se le raccomanda.

64
Questa cittade, e intorno a molte miglia
ciò che fra Varo e Rodano al mar siede,
avea l’imperator dato alla figlia
del duca Amon, in ch’avea speme e fede;
però che ‘l suo valor con maraviglia
riguardar suol, quando armeggiar la vede.
Or, com’io dico, a domandar aiuto
quel messo da Marsilia era venuto.

65
Tra sì e no la giovane suspesa,
di voler ritornar dubita un poco:
quinci l’onore e il debito le pesa,
quindi l’incalza l’amoroso foco.
Fermasi al fin di seguitar l’impresa,
e trar Ruggier de l’incantato loco;
e quando sua virtù non possa tanto,
almen restargli prigioniera a canto.

66
E fece iscusa tal, che quel messaggio
parve contento rimanere e cheto.
Indi girò la briglia al suo viaggio,
con Pinabel che non ne parve lieto;
che seppe esser costei di quel lignaggio
che tanto ha in odio in publico e in secreto:
e già s’avisa le future angosce,
se lui per maganzese ella conosce.

67
Tra casa di Maganza e di Chiarmonte
era odio antico e inimicizia intensa;
e più volte s’avean rotta la fronte,
e sparso di lor sangue copia immensa:
e però nel suo cor l’iniquo conte
tradir l’incauta giovane si pensa;
o, come prima commodo gli accada,
lasciarla sola, e trovar altra strada.

68
E tanto gli occupò la fantasia
il nativo odio, il dubbio e la paura,
ch’inavedutamente uscì di via:
e ritrovossi in una selva oscura,
che nel mezzo avea un monte che finia
la nuda cima in una pietra dura;
e la figlia del duca di Dordona
gli è sempre dietro, e mai non l’abandona.

69
Come si vide il Maganzese al bosco,
pensò tôrsi la donna da le spalle.
Disse: – Prima che ‘l ciel torni più fosco,
verso un albergo è meglio farsi il calle.
Oltra quel monte, s’io lo riconosco,
siede un ricco castel giù ne la valle.
Tu qui m’aspetta; che dal nudo scoglio
certificar con gli occhi me ne voglio. –

Comments are closed.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web