Footer menù

Riassunto canto 14 (XIV) del poema Orlando Furioso

All’interno della città di Parigi i cristiani chiedono con preghiere aiuto a Dio.
Dio incarica l’arcangelo Michele di portare Silenzio all’esercito arrivato dall’Inghilterra, per farlo giungere all’improvviso alla città di Parigi, e Discordia nell’accampamento saraceno, così da creare in esso liti accese e ridurne la forza.
L’arcangelo si reca presso chiese e monasteri credendo di trovare Silenzio insieme ad altre buone qualità, trova invece Discordia, che aveva pensato di trovare nell’inferno, insieme ad altre cattive qualità. Michele affida a Discordia il compito assegnatole e chiede quindi a lei informazioni su Silenzio. Gli viene risposto di provare a chiedere a Frode, per lungo tempo compagna di Silenzio in rapine ed omicidi. Gli viene risposto di andare a casa del Sonno, là troverà per certo Silenzio.
L’arcangelo lo trova e lo porta infine presso l’esercito guidato da Rinaldo che, grazie a quell’aiuto, raggiunge in un solo giorno Parigi senza essere visto o sentito dagli avversari pagani.

Viene dato il segnale ed inizia l’assalto. All’interno della città si opera per opporsi con ogni mezzo al nemico.
Rodomonte passa però lo sbarramento, fa strage di cristiani e libera una delle torri di difesa della città, creando quindi una via facile di accesso per i propri compagni che conquistano così la prima cerchia di mura.
I saraceni spinti da Rodomonte si calano dalla prima cerchia di mura per passare il fossato e cercare di scalare anche le mure interne di difesa. Il valoroso cavaliere salta invece direttamente da una torre all’altra e riprende a fare strage.

I cristiani intanto danno fuoco al letto di rami secchi che avevano posto tra mura e mura, facendo morire bruciati tutti i pagani che si erano avventurati oltre la prima cerchia.

 < Riassunto capitolo 13Riassunto capitolo 15 >
Comments are closed.
contatore accessi web