Footer menù

LUMIE DI SICILIA di Luigi Pirandello | Testo e riassunto

Sul finir della cena, Sina Marnis fece un’altra comparsa nella cameretta. Vi trovò la mamma che piangeva anche lei, sola, mentre di là quei signori schiamazzavano e ridevano.
— È andato via? — domandò, sorpresa.
Zia Marta accennò di sì col capo, senza guardarla. Sina fissò gli occhi nel vuoto, assorta, poi sospirò:
— Poverino…
Ma subito dopo le venne di sorridere.
— Guarda, — le disse la madre, senza frenar più le lagrime col tovagliolo. — Ti aveva portato le lumìe…
— Oh, belle! — esclamò Sina, con un balzo. Strinse un braccio alla vita e ne prese con l’altra mano quanto più poteva portarne.
— No, di là no! — protestò vivamente la madre. Ma Sina scrollò le spalle e corse in sala gridando:
— Lumìe di Sicilia! Lumìe di Sicilia!


Riassunto:
Micuccio Bonavino è un suonatore di flauto nella banda di un paesino siciliano. Il ragazzo è fidanzato con Teresina, ragazza di umili origini con il dono del canto. Micuccio, avendo scoperto il talento di Teresina, si prodiga con enormi sacrifici, prima con il suo stipendio e poi con la vendita di un proprio podere, per far studiare la ragazza e aiutarla a togliersi dallo stato di miseria in cui versa insieme alla madre, Zia Marta.Per questo motivo viene mandata a Napoli per studiare ed intraprendere la carriera di cantante di teatro. I due restano d’accordo che dopo qualche anno, una volta che la ragazza si fosse affermata nel mondo dello spettacolo, si sarebbero ritrovati e sposati. Passati cinque anni, durante i quali Micuccio ha rischiato di morire a causa di una grave malattia, il ragazzo si presenta a casa di Teresina, che ora si fa chiamare Sina Marnis, per ridarle quanto rimasto della somma che gli aveva inviato per curarsi e per stare insieme a lei. Arriva nella lussuosa casa quando le due donne sono ancora a teatro e durante i preparativi per la festa in onore della cantante. Quando rincasano la prima a vedere Micuccio è Zia Marta che immediatamente, molto imbarazzata, lo porta in una stanza in disparte e lo convince a cenare con lei e ad aspettare la fine della serata per vedere Teresina che deve intrattenere gli ospiti. Zia Marta è a disagio perché sa che sua figlia è molto cambiata rispetto al ricordo romantico che ha il ragazzo e durante la cena cerca di farglielo capire. Ad un certo punto della cena Teresina andrà a salutarlo velocemente per tornare subito dai suoi ospiti. La sua apparizione lascerà di stucco Micuccio che non si aspettava di vederla così scollata e ingioiellata. La sua vista gli fa ben intendere che ormai loro non sono più fatti l’uno per l’altro e decide di andar via, restituendo i soldi e regalando alla Zia Marta i frutti siciliani, le lumie, che inizialmente aveva portato per l’amata. Quando Teresina torna nella stanza dove i due stavano cenando troverà solo la madre in lacrime, ma non si dispiacerà per Micuccio ed anzi, porterà i frutti dai suoi ospiti.

Comments are closed.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web