Footer menù

Parafrasi COMPLETA canto 1 (I) del poema Orlando Furioso

30
Non avendo tempo per cercare una altra scusa,
sapendo benissimo che Argalia diceva il vero,
Ferraù rimase a bozza chiusa, senza controbattere;
ma il suo cuore fu talmente trafitto dalla vergogna,
che giurò sulla vita di sua madre (Lanfusa)
non volere indossare più nessun altro elmo
se non quello di buona fattura che nell’Aspromonte
Orlando levò dal capo di Almonte (dopo averlo ucciso).

31
E mantenne questo giuramento meglio
di quanto non aveva fatto con quell’altro prima.
Ripartì dal fiume con tanto malcontento
che per molti successivi giorni si tormentò e consumò.
Ha voglia solo di cercare il Paladino (Orlando)
in ogni luogo dove ritiene possa trovarlo.
Avventura diversa accadde al valoroso Rinaldo
che si incamminò su sentieri diversi da quelli percorsi da costui.

32
Rinaldo non fa molta strada che vede
comparire davanti a sé il proprio focoso destriero:
“Fermati, Boiardo mio, dai, arresta il galoppo!
Perché stare senza di te è per me troppo pericoloso.”
Non per questo il cavallo, sordo ai richiami, torna da lui,
anzi si allontana veloce sempre di più.
Rinaldo lo segue, tormentandosi d’ira:
ma seguiamo ora Angelica in fuga.

33
Fugge tra spaventosi ed oscuri boschi,
per luoghi inabitati, selvaggi e solitari.
Il rumore provocato dal movimento dei rami e dalla vegetazione
di querce, olmi e faggi, che Angelica sentiva,
causa le improvvise paure, le avevano
fatto intraprendere insoliti sentieri da ogni parte;
perché ogni ombra che vedeva sui monti o nelle valli,
le facevano temere di avere ancora alle spalle Rinaldo.

34
Come un cucciolo di daino o capriolo,
che tra i rami del boschetto nel quale è nato
abbia visto la gola della madre dal morso
del leopardo stretta, o che le squarcia il petto od il fianco,
scappa dall’animale crudele di bosco in bosco
e trema per la paura e per il sospetto della sua presenza:
per ogni cespuglio che tocca al proprio passaggio
crede di essere già già in bocca alla belva crudele.

35
Quel giorno, la stessa notte e per metà del giorno seguente
vagò senza sapere dove stesse andando.
Venne a trovarsi infine in un boschetto leggiadro,
mosso delicatamente da un vento fresco.
Due ruscelli trasparenti, riempiendo l’aria del loro gorgoglio,
consentono la presenza sempre dell’erba e la sua crescita;
e rendevano piacevole da ascoltare il concerto,
interrotto solo tra piccoli sassi, del loro scorrere lento.

36
Qui, credendo di essere al sicuro
e lontana mille miglia da Rinaldo,
per lo stancante tragitto ed il caldo estivo
decide di riposare per un po’ tempo:
scende da cavallo tra i fiori e lascia andare a nutrirsi,
senza briglia, libero, il proprio destriero;
l’animale vaga quindi nei dintorni dei ruscelli,
che avevano piene le rive di fresca erba.

37
Non lontano da sé Angelica scorge un bel cespuglio,
fiorito di susine e di rose rosse,
che si specchia nelle onde limpide dei ruscelli
ed è riparato dal sole dalle alte querce ombrose;
vuoto nel mezzo, così da concedere
fresco giaciglio tra le ombre più nascoste:
le sue foglie ed i suoi rami sono talmente intrecciati che non
passa il sole, e nemmeno la vista dell’uomo, meno penetrante.

38
L’erbetta morbida crea un letto all’interno del cespuglio,
invitando a stendersi sopra chi vi giunge.
La bella donna si mette in mezzo al cespuglio,
lì si corica e quindi si addormenta.
Ma non rimane lì addormentata molto tempo,
che le sembra di sentire avvicinarsi un rumore di calpestio:
si solleva piano piano e presso la riva di un ruscello
vede essere giunto un cavaliere armato.

39
Angelica non riesce a capire se gli è amico o nemico:
il timore e la speranza le scuotono il suo cuore dubbioso;
attende che quella avventura giunga ad un termine
senza emettere neanche un solo sospiro.
Il cavaliere si siede in riva al ruscello
reggendosi la testa con un braccio;
e viene tanto rapito dai propri pensieri, al punto che,
immobile, sembra essersi mutato in insensibile pietra.

Comments are closed.
contatore accessi web