Footer menù

Parafrasi COMPLETA canto 7 (VII) del poema Orlando Furioso

10
Il bel palazzo era tanto superiore agli altri non
perché non aveva pari per ricchezza,
quanto perché era abitato dalle persone più piacevoli,
e con i modi più gentili, che ci potessero essere al mondo.
Ogni persona era poco differente dall’altra
sia per la giovane età che per bellezza:
solo Alcina superava gli altri per bellezza,
così come il sole è più bello di ogni altra stella.

11
La sua persona era tanto bene formata,
quanto meglio sanno fare i più abili pittori;
con una bionda chioma lunga ed annodata:
non c’è oro che risplenda di più e sia più lucente.
Si diffondeva lungo la sua delicata guancia
un misto di colore di rose e di ligustri;
simile a limpido avorio era la sua lieta fronte,
che si estendeva entro giusti limiti.

12
Sotto due neri e sottilissimi archi
si trovavano due occhi neri, anzi due chiari soli,
benevoli nel guardare, lenti nel muoversi;
intorno ai quali sembra che voli e giochi il dio Amore,
che da lì scagli tutte le sue frecce
e che in modo chiaro i cuori rubi:
da qui il naso scende attraverso il viso,
sul quale nemmeno l’invidia potrebbe trovare un difetto.

13
Sotto al naso si trova, tra due piccole fossette,
la bocca cosparsa di un rosso naturale;
qui si trovano due file di perle rare,
che un bello e dolce labbro apre e chiude:
da qui escono dolci e cortesi parole
tali da rendere molle, ingentilire, ogni cuore rozzo e ruvido;
qui si forma quel dolce sorriso,
che apre a suo piacere il Paradiso in terra.

14
Neve bianca è il suo bel collo, il petto è latte;
il collo è tondo, il petto largo e bene riempito:
due seni piccoli e sodi, fatti come d’avorio,
vengono e vanno con il suo respiro come onde sul margine estremo della spiaggia,
quando un piacevole venticello percuote il mare.
Neppure Argo, con i suoi cento occhi, potrebbe vedere le altri parti del suo copro:
si può a buon ragione ritenere che ciò che rimane nascosto
corrisponda a quello che si può ammirare dal fuori.

15
Le braccia mostrano la loro giusta lunghezza;
e la bianca mano spesso appare
alquanto lunga ed affusolata,
sulla quale non compare nessun nodo, né alcuna vena sporge.
Si vede alla fine della maestosa persona
il piccolo piede, asciutto ma ben rotondo.
Coloro, nati in cielo, che hanno aspetto angelico
non possono essere nascosti sotto nessun velo.

16
Ogni sua parte del corpo era una laccio teso per catturare gli amanti,
sia che parli o rida o canti o muova passi:
non c’è quindi da meravigliarsi se Ruggiero fu preso in trappola,
trovandola così tanto buona nei propri confronti.
Quello che riguardo a lei aveva appreso dal mirto (nel quale Astolfo è stato trasformato),
di come fosse perfida e crudele, a poco gli serve;
dal momento che non gli sembra possibile che l’inganno ed il tradimento
possa convivere con un così gioioso sorriso.

17
Anzi vuole anche credere che da costei
Astolfo fosse stato trasformato in mirto, in riva al mare,
a causa del suo comportamento ingrato e malvagio,
e che fosse stato degno di questa ed anche di più grave pena:
e tutto ciò che riguardo a lei aveva udito,
ritiene ora essere falso; e che sono il desiderio di vendetta,
l’invidia e l’astio nei confronti di lei, a spingere quell’infelice, Astolfo,
a rimproverarla, e che quindi lui mente su ogni cosa.

18
La bella donna, Bradamante, che Ruggiero così tanto amava,
all’improvviso non trova più posto nel suo cuore;
poiché per incantesimo Alcina gli purifica il cuore
da ogni antica ferita d’Amore;
e lo occupa solo con il pensiero di sé stessa e dell’Amore nei suoi confronti,
e rimane in quel cuore impressa solo lei:
tanto che Ruggiero si deve scusare
per essere stato in quell’occasione incostante e leggero.

19
Alla mensa del palazzo di Alcina, cetre, arpe e lire,
e diversi altri dilettevoli suoni,
facevano tintinnare l’aria tutt’intorno
con una dolce armonia e gradevoli accordi.
Non mancava poi chi, cantando, raccontare
sapesse delle gioie e delle sofferenze dell’Amore,
o con poesie o invenzioni vocali
sapesse rappresentare gradite fantasie.

Comments are closed.
contatore accessi web