Footer menù

Parafrasi COMPLETA canto 12 (XII) del poema Orlando Furioso

30
Avevano addosso la corazza e in testa avevano l’elmo,
due (Sacripante ed Orlando) di questi guerrieri le cui gesta io vi canto;
non di notte e neanche di giorno, dopo che furono entrati in questo
palazzo, se li erano mai levati di dosso.
Facili da portare, come fossero un vestito,
erano per loro, tanto erano abituati a portarli.
Ferraù, il terzo guerriero, era anche lui armato, ma
non aveva, e non voleva avere, nessun elmo

31
fino a ché non fosse entrato in possesso di quello che il paladino
Orlando tolse ad Almonte, fratello del re troiano.
Perché ciò aveva giurato allora, quando l’elmo, di buona fattura,
di Argalia, aveva cercato senza successo nel fiume.
Sebbene avesse a portata di mano Orlando,
Ferraù non  lo assalì.
Incrociare fra loro le armi
non fu possibile fintanto che furono nel castello.

32
Era così incantato quel palazzo,
che non poterono riconoscersi l’un l’altro.
Né di notte né di giorno, né la spada né la corazza
e nemmeno solo lo scudo dal braccio si toglievano.
I loro cavalli, con la sella sul dorso,
con il morso a penzoloni dall’arcione, si rilassavano
in una stanza, che in prossimità dell’uscita del castello,
era sempre fornita di orzo e di paglia.

33
Il mago non sa e non può nemmeno evitare
che i tre guerrieri rimontino in sella dei loro destrieri
per correre dietro alle rosee guancie,
alla chioma dorata ed ai bei occhi neri
di Angelica, che spinge alla fuga
la sua cavalla, poiché non
gradisce vedere insieme i tre amanti,
che forse avrebbe preso come guida se fossero arrivati separatamente.

34
E dopo che li ebbe allontanati dal palazzo
a sufficienza, da poter non più temere
che contro loro l’incantatore malvagio
potesse usare le proprie ingannevoli arti magiche;
l’anello, che più di una brutta situazione le aveva evitato,
chiuse tra le sue rosse labbra,
di conseguenza scomparve alla loro vista,
e li lasciò istupiditi ed increduli.

35
Sebbene fosse stata la sua prima intenzione
quella di voler in propria compagnia Orlando o Sacripante,
perché l’aiutassero a ritornare nel regno
di suo padre (Galafron) nell’estremo oriente;
sdegnò a questo punto entrambi
cambiando all’improvviso la propria volontà,
e senza più doversi legare all’uno od all’altro,
ritenne che bastasse l’anello a sostituire entrambi.

36
Rivolgono attraverso il bosco, ora da una parte ed ora dall’altra,
derisi da Angelica, la loro stupida faccia;
come a volte il cane se gli viene sottratta
o una lepre o una volpe, a cui dava la caccia,
perché all’improvviso in qualche stretta tana,
in un fitto cespuglio od in un fosso la preda si è cacciata.
Ride di loro senza pietà Angelica,
non vista, ed osserva i loro progressi.

37
In mezzo al bosco vedono esserci una sola strada:
i cavalieri credono quindi che la donzella
stia procedendo, davanti a loro, attraverso quella via;
poiché, essendo unica, non può altrimenti procedere.
Orlando corre all’inseguimento, Ferraù non indugia oltre,
nemmeno Sacripante sprona e punge il proprio destriero di meno.
Angelica non trattiene più la briglia del proprio cavallo
e procede quindi dietro a loro con minore fretta.

38
Appena furono giunti, correndo a tutta velocità, dove i diversi sentieri
si andavano a perdere all’interno della foresta,
ed avendo i cavalieri cominciato a guardare nell’erba intorno,
se vi trovavano punti calpestati, tracce di lei;
Ferraù, che poteva, tra tutte le persone
che mai fossero state altezzose, essere incoronato re degli altezzosi,
si volse verso gli altri due con viso cattivo,
e gridò loro: “Da dove venite voi?

39
Tornate indietro o prendete un’altra via,
se non volete giacere qui morti:
né nell’amare né nell’inseguire la mia donna
possa credere qualcuno che io sopporti essere in compagnia di altri.”
Disse Orlando a Sacripante: “Cosa potrebbe
mai dire di più costui, se entrambi ci avesse scambiato
per le puttane più codarde e timorose
che mai facessero “lavori di filatura”?”

2 Responses to Parafrasi COMPLETA canto 12 (XII) del poema Orlando Furioso

  1. Carlo Novembre 18, 2014 at 4:47 pm #

    Incomprensibili alcune parti,

    • OrlandoFurioso Novembre 24, 2014 at 4:59 pm #

      Rivisto tutto il canto! 😉

contatore accessi web