Footer menù

Giuseppe Ungaretti

La ricerca dell’origine. L’asse portante di tutta la lirica di Ungaretti è il tema della ricerca di un luogo felice, formulata tramite l’allegoria del viaggio verso la patria, che è nello stesso tempo luogo geografico e ideale: il poeta parte dalla condizione di esiliato alla ricerca di un’innocenza originaria, dal deserto alla Terra promessa (che è anche il titolo di una delle ultime raccolte poetiche). La terra promessa non è semplicemente un luogo geografico e storicamente determinato, ma una metafora di più ampia portata. In essa si può scorgere sì l’Italia (dove il poeta approderà per la prima volta nel 1912), ma è soprattutto un luogo utopico e metafisico: Ungaretti evoca la terra promessa attraverso il viaggio di Enea verso l’Italia, ma la meta dell’eroe troiano è per il poeta qualcosa che trascende la realtà degli uomini: è il «minuto di vita / iniziale», un paradiso perduto da recuperare, un’origine – non solo biologica – che si colloca prima del tempo e ha a che fare contemporaneamente con l’ispirazione poetica e con un’esperienza ai limiti del divino. In questa ricerca ha un ruolo fondamentale l’esercizio della memoria (uno dei temi più importanti della poesia di Ungaretti, che parla nella fattispecie di “reminiscenze” di un’origine), una memoria non legata semplicemente a una stagione passata della propria vita, ma rivolta anch’essa verso un “prima”, non meglio individuabile in termini storici e temporali. E memoria è anche quanto hanno tramandato i poeti precedenti, che hanno cercato di tradurre in versi l’eternità. Non a caso lo strumento privilegiato per condurre questa ricerca è la poesia. Quindi il poeta è investito di una nuova missione: deve attraversare il dolore della storia e del tempo, farsi carico delle tragedie dell’uomo contemporaneo per cercare il senso dell’esistenza. In questo modo la poesia è un’esperienza interiore, un “naufragio” che il poeta compie negli abissi del proprio animo per portare alla luce «quel nulla / d’inesauribile segreto», cioè quel mistero di una condizione prossima all’inesprimibile che è il paradiso (in un articolo del 1922 Ungaretti scriveva che il «mistero è il soffio che circola in noi e ci anima» e altrove che «misterioso è l’aggettivo che s’addice meglio al vocabolo poesia»). Come accadeva con il Dante paradisiaco, secondo il quale la condizione divina non è dicibile per un essere umano, allo stesso modo per Ungaretti la condizione di purezza originaria è un’esperienza al limite dell’umano che il poeta è in grado di dire solo per frammenti e folgorazioni.

Una poesia di “versicoli”. La poesia di Ungaretti è il frutto di un lungo lavoro di prosciugamento del verso e procede per illuminazioni improvvise ed espressioni laconiche. Del resto, se il poeta deve tirare fuori dal silenzio una parola che evochi l’“inesauribile segreto”, non può che affidarsi a una poesia fatta di versi brevissimi, talvolta coincidenti con una sola parola o una sola sillaba, che isolata negli spazi bianchi sappia evocare l’eco di quell’origine perduta. Come ha scritto Carlo Ossola, ogni singola parola che compone le liriche ungarettiane è in grado di «vibrare nel vuoto metrico […] come fosse pronunciata per la prima volta» e risuona come una formula incantatoria. Non a caso Ungaretti nel leggere le sue stesse poesie tendeva a scandire ogni sillaba, come a volerle caricare di un potere evocativo che conferisse loro un senso nuovo e originario allo stesso tempo. Talvolta questa tensione verso l’essenziale e l’estrema brevità dei componimenti comporta una certa oscurità in taluni passaggi, più evidente nella raccolta Sentimento del tempo: in parte l’oscurità è un’eredità della poesia simbolista, apprezzata da Ungaretti, che faceva leva sull’analogia e sulla relazione segreta tra le parole.

Comments are closed.
contatore accessi web