Footer menù

Parafrasi canto 14 (XIV) del Purgatorio di Dante

Il nostro orecchio aveva appena finito di ascoltare la prima voce,
quando eccone giungere un’altra con un gran rumore,
simile a quello di un tuono che segue da vicino un’altro tuono:

“Io sono Aglauro, la principessa che fu trasformata in pietra”;
ed allora, per farmi stretto vicino al poeta Virgilio,
mossi i miei passi vestro destra e non invece in avanti.

L’aria si era già fatta nuovamente immobile e quieta;
e Virgilio mi disse: “Quelli che hai sentito sono i duri esempi
che dovrebbero aiutare gli uomini a stare entro i loro limiti.

Ma voi uomini prendete invece in bocca l’esca, così che l’amo
dell’antico avversario, il demonio, vi attira poi facilmente a lui;
e pertanto servono a poco sia il freno che gli avvertimenti.

Il cielo vi chiama a sé e ruota anche intorno a voi,
mostrandovi le sue bellezze eterne, la sua felicità eterna,
ma i vostri occhi sono otinati nel continuare a guardare in basso, a terra;

ed è per questo che Dio, colui che tutto vede, vi punisce.”

 < Parafrasi Canto 13Parafrasi Canto 15 >
Comments are closed.
contatore accessi web