Footer menù

Testo del canto 45 (XLV) del poema Orlando Furioso

70
Era la voluntà de la donzella
da quest’altra diversa di gran lunga;
che, se Ruggier su la spada martella
per rintuzzarla, che non tagli o punga,
la sua la donna aguzza, e brama ch’ella
entri nel ferro, e sempre al vivo giunga,
anzi ogni colpo sì ben tagli e fore,
che vada sempre a ritrovargli il core.

71
Qual su le mosse il barbaro si vede,
che ‘l cenno del partir fugoso attende,
né qua né là poter fermare il piede,
gonfiar le nare, e che l’orecchie tende;
tal l’animosa donna che non crede
che questo sia Ruggier con chi contende,
aspettando la tromba, par che fuoco
ne le vene abbia, e non ritrovi loco.

72
Qual talor, dopo il tuono, orrido vento
subito segue, che sozzopra volve
l’ondoso mare, e leva in un momento
da terra fin al ciel l’oscura polve;
fuggon le fiere, e col pastor l’armento;
l’aria in grandine e in pioggia si risolve;
udito il segno la donzella, tale
stringe la spada, e ‘l suo Ruggiero assale.

73
Ma non più quercia antica, o grosso muro
di ben fondata torre a borea cede,
né più all’irato mar lo scoglio duro,
che d’ogni intorno il dì e la notte il fiede;
che sotto l’arme il buon Ruggier sicuro,
che già al troiano Ettòr Vulcano diede,
ceda all’odio e al furor che lo tempesta
or ne’ fianchi, or nel petto, or ne la testa.

74
Quando di taglio la donzella, quando
mena di punta; e tutta intenta mira
ove cacciar tra ferro e ferro il brando,
sì che si sfoghi e disacerbi l’ira.
Or da un lato, or da un altro il va tentando;
quando di qua, quando di là s’aggira;
e si rode e si duol che non le avegna
mai fatta alcuna cosa che disegna.

75
Come chi assedia una città che forte
sia di buon fianchi e di muraglia grossa,
spesso l’assalta, or vuol batter le porte,
or l’alte torri, or atturar la fossa;
e pone indarno le sue genti a morte,
né via sa ritrovar ch’entrar vi possa:
così molto s’affanna e si travaglia,
né può la donna aprir piastra né maglia.

76
Quando allo scudo e quando al buon elmetto,
quando all’osbergo fa gittar scintille
con colpi ch’alle braccia, al capo, al petto
mena dritti e riversi, e mille e mille,
e spessi più, che sul sonante tetto
la grandine far soglia de le ville.
Ruggier sta su l’avviso, e si difende
con gran destrezza, e lei mai non offende.

77
Or si ferma, or volteggia, or si ritira,
e con la man spesso accompagna il piede.
Porge or lo scudo, ed or la spada gira
ove girar la man nimica vede.
O lei non fere, o se la fere, mira
ferirla in parte ove men nuocer crede.
La donna, prima che quel dì s’inchine,
brama di dare alla battaglia fine.

78
Si ricordò del bando, e si ravvide
del suo periglio, se non era presta;
che se in un dì non prende o non uccide
il suo domandator, presa ella resta.
Era già presso ai termini d’Alcide
per attuffar nel mar Febo la testa,
quando ella cominciò di sua possanza
a difidarsi, e perder la speranza.

79
Quanto mancò più la speranza, crebbe
tanto più l’ira, e radoppiò le botte;
che pur quell’arme rompere vorrebbe,
ch’in tutto un dì non avea ancora rotte:
come colui ch’al lavorio che debbe,
sia stato lento, e già vegga esser notte,
s’affretta indarno, si travaglia e stanca,
fin che la forza a un tempo e il dì gli manca.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web