Footer menù

Testo del canto 45 (XLV) del poema Orlando Furioso

50
Ruggier fuggito, il suo guardian strozzato
si trova il giorno, e aperta la prigione.
Chi quel, chi questo pensa che sia stato;
ne parla ognun, né però alcun s’appone.
Ben di tutti gli altri uomini pensato
più tosto si saria, che di Leone;
che pare a molti ch’avria causa avuto
di farne strazio, e non di dargli aiuto.

51
Riman di tanta cortesia Ruggiero
confuso sì, sì pien di maraviglia,
e tramutato sì da quel pensiero
che quivi tratto l’avea tante miglia,
che mettendo il secondo col primiero,
né a questo quel, né questo a quel simiglia.
Il primo tutto era odio, ira e veneno;
di pietade è il secondo e d’amor pieno.

52
Molto la notte e molto il giorno pensa,
d’altro non cura ed altro non disia,
che da l’obbligazion che gli avea immensa,
sciorsi con pari e maggior cortesia.
Gli par, se tutta sua vita dispensa
in lui servire, o breve o lunga sia,
e se s’espone a mille morti certe,
non gli può tanto far, che più non merte.

53
Venuta quivi intanto era la nuova
del bando ch’avea fatto il re di Francia,
che chi vuol Bradamante, abbia a far prova
con lei di forza, con spada e con lancia.
Questo udir a Leon sì poco giova,
che se gli vede impallidir la guancia;
perché, come uom che le sue forze ha note,
sa ch’a lei pare in arme esser non puote.

54
Fra sé discorre, e vede che supplire
può con l’ingegno, ove il vigor sia manco,
facendo con sue insegne comparire
questo guerrier di cui non sa il nome anco;
che di possanza iudica e d’ardire
poter star contra a qualsivoglia Franco:
e crede ben, s’a lui ne dà l’impresa,
che ne fia vinta Bradamante e presa.

55
Ma due cose ha da far: l’una, disporre
il cavallier, che questa impresa accetti;
l’altra, nel campo in vece sua lui porre
in modo che non sia chi ne sospetti.
A sé lo chiama, e ‘l caso gli discorre,
e pregal poi con efficaci detti,
ch’egli sia quel ch’a questa pugna vegna
col nome altrui, sotto mentita insegna.

56
L’eloquenza del Greco assai potea;
ma più de l’eloquenza potea molto
l’obbligo grande che Ruggier gli avea,
da mai non ne dovere essere isciolto:
sì che quantunque duro gli parea,
e non possibil quasi; pur con volto,
più che con cor giocondo, gli rispose
ch’era per far per lui tutte le cose.

57
Ben che da fier dolor, tosto che questa
parola ha detta, il cor ferir si senta,
che giorno e notte e sempre lo molesta,
sempre l’affligge e sempre lo tormenta,
e vegga la sua morte manifesta;
pur è mai per dir che se ne penta;
che prima ch’a Leon non ubbidire,
mille volte, non ch’una, è per morire.

58
Ben certo è di morir; perché, se lascia
la donna, ha da lasciar la vita ancora:
o che l’accorerà il duolo e l’ambascia;
o se ‘l duolo e l’ambascia non l’accora,
con le man proprie squarcerà la fascia
che cinge l’alma, e ne la trarrà fuora;
ch’ogni altra cosa più facil gli fia,
che poter lei veder, che sua non sia.

59
Gli è di morir disposto; ma che sorte
di morte voglia far, non sa dir anco.
Pensa talor di fingersi men forte,
e porger nudo alla donzella il fianco;
che non fu mai la più beata morte,
che se per man di lei venisse manco.
Poi vede, se per lui resta che moglie
sia di Leon, che l’obbligo non scioglie:

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web