Footer menù

Testo del canto 45 (XLV) del poema Orlando Furioso

30
e lei, che dato orecchie abbia, riprende,
a tanta iniqua suspizione e stolta.
E così l’un pensier Ruggier difende,
l’altro l’accusa: ed ella amenduo ascolta,
e quando a questo e quando a quel s’apprende,
né risoluta a questo o a quel si volta.
Pur all’opinion più tosto corre,
che più le giova, e la contraria aborre.

31
E talor anco che le torna a mente
quel che più volte il suo Ruggier le ha detto,
come di grave error, si duole e pente,
ch’avuto n’abbia gelosia e sospetto;
e come fosse al suo Ruggier presente,
chiamasi in colpa, e se ne batte il petto.
– Ho fatto error (dice ella), e me n’aveggio;
ma chi n’è causa, è causa ancor di peggio.

32
Amor n’è causa, che nel cor m’ha impresso
la forma tua così leggiadra e bella;
e posto ci ha l’ardir, l’ingegno appresso,
e la virtù di che ciascun favella;
ch’impossibil mi par, ch’ove concesso
ne sia il veder, ch’ogni donna e donzella
non ne sia accesa, e che non usi ogni arte
di sciorti dal mio amore e al suo legarte.

33
Deh avesse Amor così nei pensier miei
il tuo pensier, come ci ha il viso sculto!
Io son ben certa che lo troverei
palese tal, qual io lo stimo occulto;
e che sì fuor di gelosia sarei,
ch’ad or ad or non mi farebbe insulto;
e dove a pena or è da me respinta,
rimarria morta, non che rotta e vinta.

34
Son simile all’avar c’ha il cor sì intento
al suo tesoro, e sì ve l’ha sepolto,
che non ne può lontan viver contento,
né non sempre temer che gli sia tolto.
Ruggiero, or può, ch’io non ti veggo e sento,
in me, più de la speme, il timor molto,
il qual ben che bugiardo e vano io creda,
non posso far di non mi dargli in preda.

35
Ma non apparirà il lume sì tosto
agli occhi miei del tuo viso giocondo,
contra ogni mia credenza a me nascosto,
non so in qual parte, o Ruggier mio, del mondo,
come il falso timor sarà deposto
da la vera speranza e messo al fondo.
Deh torna a me, Ruggier, torna, e conforta
la speme che ‘l timor quasi m’ha morta!

36
Come al partir del sol si fa maggiore
l’ombra, onde nasce poi vana paura;
e come all’apparir del suo splendore
vien meno l’ombra, e ‘l timido assicura:
così senza Ruggier sento timore;
se Ruggier veggo, in me timor non dura.
Deh torna a me, Ruggier, deh torna prima
che ‘l timor la speranza in tutto opprima!

37
Come la notte ogni fiammella è viva,
e riman spenta subito ch’aggiorna;
così, quando il mio sol di sé mi priva,
mi leva incontra il rio timor le corna:
ma non sì tosto all’orizzonte arriva,
che ‘l timor fugge, e la speranza torna.
Deh torna a me, deh torna, o caro lume,
e scaccia il rio timor che mi consume!

38
Se ‘l sol si scosta, e lascia i giorni brevi,
quanto di bello avea la terra asconde;
fremono i venti, e portan ghiacci e nievi;
non canta augel, né fior si vede o fronde:
così, qualora avvien che da me levi,
o mio bel sol, le tue luci gioconde,
mille timori, e tutti iniqui, fanno
un aspro verno in me più volte l’anno.

39
Deh torna a me, mio sol, torna, e rimena
la desiata dolce primavera!
Sgombra i ghiacci e le nievi, e rasserena
la mente mia sì nubilosa e nera. –
Qual Progne si lamenta o Filomena
ch’a cercar esca ai figliolini ita era,
e trova il nido voto; o qual si lagna
turture c’ha perduto la compagna:

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web