Footer menù

Testo del canto 45 (XLV) del poema Orlando Furioso

10
Accusato Ruggier dal proprio scudo,
ne la città di Novengrado resta
prigion d’Ungiardo, il più d’ogni altro crudo,
che fa di ciò maravigliosa festa.
E che può far Ruggier, poi che gli è nudo,
ed è legato già, quando si desta?
Ungiardo un suo corrier spaccia a staffetta
a dar la nuova a Costantino in fretta.

11
Avea levato Costantin la notte
da le ripe di Sava ogni sua schiera;
e seco a Beleticche avea ridotte,
che città del cognato Androfilo era,
padre di quello a cui forate e rotte
(come se state fossino di cera)
al primo incontro l’arme avea il gagliardo
cavallier, or prigion del fiero Ungiardo.

12
Quivi fortificar facea le mura
l’imperatore, e riparar le porte;
che de’ Bulgari ben non s’assicura,
che con la guida d’un guerrier sì forte
non gli faccino peggio che paura,
e ‘l resto ponghin di sua gente a morte.
Or che l’ode prigion, né quelli teme,
né se con lor sia il mondo tutto insieme.

13
L’imperator nuota in un mar di latte,
né per letizia sa quel che si faccia.
– Ben son le genti bulgare disfatte, –
dice con lieta e con sicura faccia.
Come de la vittoria, chi combatte,
se troncasse al nimico ambe le braccia,
certo saria, così n’è certo, e gode
l’imperator, poi che ‘l guerrier preso ode.

14
Non ha minor cagion di rallegrarsi
del padre il figlio; ch’oltre che si spera
di racquistar Belgrado, e soggiugarsi
ogni contrada che de’ Bulgari era;
disegna anco il guerriero amico farsi
con benefici, e seco averlo in schiera.
Né Rinaldo né Orlando a Carlo Magno
ha da invidiar, se gli è costui compagno.

15
Da questa voglia è ben diversa quella
di Teodora, a chi ‘l figliuolo uccise
Ruggier con l’asta che da la mammella
passò alle spalle, e un palmo fuor si mise.
A Costantin, del quale era sorella,
costei si gittò a’ piedi, e gli conquise
e intenerigli il cor d’alta pietade
col largo pianto che nel sen le cade.

16
– Io non mi leverò da questi piedi
(diss’ella), signor mio, se del fellone
ch’uccise il mio figliuol, non mi conciedi
di vendicare, or che l’abbiàn prigione.
Oltre che stato t’è nipote, vedi
quanto t’amò, vedi quant’opre buone
ha per te fatto, e vedi s’avrai torto
di non lo vendicar di chi l’ha morto.

17
Vedi che per pietà del nostro duolo
ha Dio fatto levar da la campagna
questo crudele, e come augello a volo,
a dar ce l’ha condotto ne la ragna,
acciò in ripa di Stige il mio figliuolo
molto senza vendetta non rimagna.
Dammi costui, signore, e sii contento
ch’io disacerbi il mio col suo tormento. –

18
Così ben piange, e così ben si duole,
e così bene ed efficace parla;
né dai piedi levar mai se gli vuole,
ben che tre volte e quattro per levarla
usasse Costantino atti e parole;
ch’egli è forzato al fin di contentarla:
e così comandò che si facesse
colui condurre, e in man di lei si desse.

19
E per non fare in ciò lunga dimora,
condotto hanno il guerrier del liocorno,
e dato in mano alla crudel Teodora,
che non vi fu intervallo più d’un giorno.
Il far che sia squartato vivo, e muora
publicamente con obbrobrio e scorno,
poca pena le pare, e studia e pensa
altra trovarne inusitata e immensa.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web