Footer menù

Testo del canto 45 (XLV) del poema Orlando Furioso

90
Se ben m’avesse ucciso, tormentato
prima ad arbitrio di sua crudeltade,
da Bradamante almeno avrei sperato
di ritrovare al mio caso pietade.
Ma quando ella saprà ch’avrò più amato
Leon di lei, e di mia volontade
io me ne sia, perch’egli l’abbia, privo;
avrà ragion d’odiarmi e morto e vivo. –

91
Questo dicendo e molte altre parole
che sospiri accompagnano e singulti,
si trova all’apparir del nuovo sole
fra scuri boschi, in luoghi strani e inculti;
e perché è disperato, e morir vuole,
e, più che può, che ‘l suo morir s’occulti,
questo luogo gli par molto nascosto,
ed atto a far quant’ha di sé disposto.

92
Entra nel folto bosco, ove più spesse
l’ombrose frasche e più intricate vede;
ma Frontin prima al tutto sciolto messe
da sé lontano, e libertà gli diede.
– O mio Frontin (gli disse), s’a me stesse
di dare a’ merti tuoi degna mercede,
avresti a quel destrier da invidiar poco,
che volò al cielo, e fra le stelle ha loco.

93
Cillaro, so, non fu, non fu Arione
di te miglior, né meritò più lode;
né alcun altro destrier di cui menzione
fatta da’ Greci o da’ Latini s’ode.
Se ti fur par ne l’altre parti buone,
di questa so ch’alcun di lor non gode,
di potersi vantar ch’avuto mai
abbia il pregio e l’onor che tu avuto hai;

94
poi ch’alla più che mai sia stata o sia
donna gentile e valorosa e bella
sì caro stato sei, che ti nutria,
e di sua man ti ponea freno e sella.
Caro eri alla mia donna: ah perché mia
la dirò più, se mia non è più quella?
s’io l’ho donata ad altri? Ohimè! che cesso
di volger questa spada ora in me stesso?

95
Se Ruggier qui s’affligge e si tormenta,
e le fere e gli augelli a pietà muove
(ch’altri non è che questi gridi senta
né vegga il pianto che nel sen gli piove),
non dovete pensar che più contenta
Bradamante in Parigi si ritrove,
poi che scusa non ha che la difenda,
o più l’indugi, che Leon non prenda.

96
Ella, prima ch’avere altro consorte
che ‘l suo Ruggier, vuol far ciò che può farsi;
mancar del detto suo; Carlo e la corte,
i parenti e gli amici inimicarsi:
e quando altro non possa, al fin la morte
o col veneno o con la spada darsi;
che le par meglio assai non esser viva,
che, vivendo, restar di Ruggier priva.

97
– Deh, Ruggier mio (dicea), dove sei gito?
Puote esser che tu sia tanto discosto,
che tu non abbi questo bando udito,
a nessun altro, fuor ch’a te, nascosto?
Se tu ‘l sapesse, io so che comparito
nessun altro saria di te più tosto.
Misera me! ch’altro pensar mi deggio,
se non quel che pensar si possa peggio?

98
Come è, Ruggier, possibil che tu solo
non abbi quel che tutto il mondo ha inteso?
Se inteso l’hai, né sei venuto a volo,
come esser può che non sii morto o preso?
Ma chi sapesse il ver, questo figliuolo
di Costantin t’avrà alcun laccio teso;
il traditor t’avrà chiusa la via,
acciò prima di lui tu qui non sia.

99
Da Carlo impetrai grazia, ch’a nessuno
men di me forte avessi ad esser data,
con credenza che tu fossi quell’uno
a cui star contra io non potessi armata.
Fuor che te solo, io non stimava alcuno:
ma de l’audacia mia m’ha Dio pagata;
poi che costui che mai più non fe’ impresa
d’onore in vita sua, così m’ha presa.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web