Footer menù

Testo del canto 44 (XLIV) del poema Orlando Furioso

1
Spesso in poveri alberghi e in picciol tetti,
ne le calamitadi e nei disagi,
meglio s’aggiungon d’amicizia i petti,
che fra ricchezze invidiose ed agi
de le piene d’insidie e di sospetti
corti regali e splendidi palagi,
ove la caritade è in tutto estinta,
né si vede amicizia, se non finta.

2
Quindi avvien che tra principi e signori
patti e convenzion son sì frali.
Fan lega oggi re, papi e imperatori;
doman saran nimici capitali:
perché, qual l’apparenze esteriori,
non hanno i cor, non han gli animi tali;
che non mirando al torto più ch’al dritto,
attendon solamente al lor profitto.

3
Questi, quantunque d’amicizia poco
sieno capaci, perché non sta quella
ove per cose gravi, ove per giuoco
mai senza finzion non si favella;
pur, se talor gli ha tratti in umil loco
insieme una fortuna acerba e fella,
in poco tempo vengono a notizia
(quel che in molto non fer) de l’amicizia.

4
Il santo vecchiarel ne la sua stanza
giunger gli ospiti suoi con nodo forte
ad amor vero meglio ebbe possanza,
ch’altri non avria fatto in real corte.
Fu questo poi di tal perseveranza,
che non si sciolse mai fin alla morte.
Il vecchio li trovò tutti benigni,
candidi più nel cor, che di fuor cigni.

5
Trovolli tutti amabili e cortesi,
non de la iniquità ch’io v’ho dipinta
di quei che mai non escono palesi,
ma sempre van con apparenza finta.
Di quanto s’eran per adietro offesi
ogni memoria fu tra loro estinta;
e se d’un ventre fossero e d’un seme,
non si potriano amar più tutti insieme.

6
Sopra gli altri il signor di Montalbano
accarezzava e riveria Ruggiero;
sì perché già l’avea con l’arme in mano
provato quanto era animoso e fiero,
sì per trovarlo affabile ed umano
più che mai fosse al mondo cavalliero:
ma molto più, che da diverse bande
si conoscea d’avergli obligo grande.

7
Sapea che di gravissimo periglio
egli avea liberato Ricciardetto,
quando il re ispano gli fe’ dar di piglio
e con la figlia prendere nel letto;
e ch’avea tratto l’uno e l’altro figlio
del duca Buovo (com’io v’ho detto)
di man dei Saracini e dei malvagi
ch’eran col maganzese Bertolagi.

8
Questo debito a lui parea di sorte,
ch’ad amar lo stringeano e ad onorarlo;
e gli ne dolse e gli ne ‘ncrebbe forte,
che prima non avea potuto farlo,
quando era l’un ne l’africana corte,
e l’altro agli servigi era di Carlo.
Or che fatto cristian quivi lo trova,
quel che non fece prima, or far gli giova.

9
Proferte senza fine, onore e festa
fece a Ruggiero il paladin cortese.
Il prudente eremita, come questa
benivolenza vide, adito prese.
Entrò dicendo: – A fare altro non resta
(e lo spero ottener senza contese),
che come l’amicizia è tra voi fatta,
tra voi sia ancora affinità contratta;

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore visite gratis
Segui la nostra pagina Facebook : se orlandofurioso.com ti è piaciuto, condividi l'esperienza!