Footer menù

Testo del canto 43 (XLIII) del poema Orlando Furioso

20
Morto il suocero mio dopo cinque anni
ch’io sottoposi il collo al giugal nodo,
non stero molto a cominciar gli affanni
ch’io sento ancora, e ti dirò in che modo.
Mentre mi rinchiudea tutto coi vanni
l’amor di questa mia che sì ti lodo,
una femina nobil del paese,
quanto accender si può, di me s’accese.

21
Ella sapea d’incanti e di malie
quel che saper ne possa alcuna maga:
rendea la notte chiara, oscuro il die
fermava il sol, facea la terra vaga.
Non potea trar però le voglie mie,
che le sanassin l’amorosa piaga
col rimedio che dar non le potria
senza alta ingiuria de la donna mia.

22
Non perché fosse assai gentile e bella,
né perché sapess’io che sì me amassi,
né per gran don, né per promesse ch’ella
mi fêsse molte, e di continuo instassi,
ottener poté mai ch’una fiammella,
per darla a lei, del primo amor levassi;
ch’a dietro ne traea tutte mie voglie
il conoscermi fida la mia moglie.

23
La speme, la credenza, la certezza
che de la fede di mia moglie avea,
m’avria fatto sprezzar quanta bellezza
avesse mai la giovane ledea,
o quanto offerto mai senno e ricchezza
fu al gran pastor de la montagna Idea.
Ma le repulse mie non valean tanto,
che potesson levarmela da canto.

24
Un dì che mi trovò fuor del palagio
la maga, che nomata era Melissa,
e mi poté parlare a suo grande agio,
modo trovò da por mia pace in rissa,
e con lo spron di gelosia malvagio
cacciar del cor la fé che v’era fissa.
Comincia a comendar la intenzion mia,
ch’io sia fedele a chi fedel mi sia.

25
– Ma che ti sia fedel, tu non puoi dire,
prima che di sua fé prova non vedi.
S’ella non falle, e che potria fallire,
che sia fedel, che sia pudica credi.
Ma se mai senza te non la lasci ire,
se mai vedere altr’uom non le concedi,
onde hai questa baldanza, che tu dica
e mi vogli affermar che sia pudica?

26
Scostati un poco, scostati da casa;
fa che le cittadi odano e i villaggi,
che tu sia andato, e ch’ella sia rimasa;
agli amanti dà commodo e ai messaggi.
S’a prieghi, a doni non fia persuasa
di fare al letto maritale oltraggi,
e che, facendol, creda che si cele,
allora dir potrai che sia fedele. –

27
Con tal parole e simili non cessa
l’incantatrice, fin che mi dispone
che de la donna mia la fede espressa
veder voglia, e provare a paragone.
– Ora pogniamo (le soggiungo) ch’essa
sia qual non posso averne opinione:
come potrò di lei poi farmi certo
che sia di punizion degna o di merto? –

28
Disse Melissa: – Io ti darò un vasello
fatto da ber, di virtù rara e strana;
qual già per fare accorto il suo fratello
del fallo di Genevra, fe’ Morgana.
Chi la moglie ha pudica, bee con quello:
ma non vi può già ber chi l’ha puttana;
che ‘l vin, quando lo crede in bocca porre,
tutto si sparge, e fuor nel petto scorre.

29
Prima che parti, ne farai la prova,
e per lo creder mio tu berai netto;
che credo ch’ancor netta si ritrova
la moglie tua: pur ne vedrai l’effetto.
Ma s’al ritorno esperienza nuova
poi ne farai, non t’assicuro il petto:
che se tu non lo immolli, e netto bèi,
d’ogni marito il più felice sei. –

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web