Footer menù

Testo del canto 43 (XLIII) del poema Orlando Furioso

10
Perché non ti conobbi già dieci anni,
sì che io mi fossi consigliato teco,
prima che cominciassero gli affanni,
e ‘l lungo pianto onde io son quasi cieco?
Ma vo’ levarti da la scena i panni;
che ‘l mio mal vegghi, e te ne dogli meco:
e ti dirò il principio e l’argumento
del mio non comparabile tormento.

11
Qua su lasciasti una città vicina,
a cui fa intorno un chiaro fiume laco,
che poi si stende e in questo Po declina,
e l’origine sua vien di Benaco.
Fu fatta la città, quando a ruina
le mura andar de l’agenoreo draco.
Quivi nacque io di stirpe assai gentile,
ma in pover tetto e in facultade umile.

12
Se Fortuna di me non ebbe cura
sì che mi desse al nascer mio ricchezza,
al diffetto di lei supplì Natura,
che sopra ogni mio ugual mi diè bellezza.
Donne e donzelle già di mia figura
arder più d’una vidi in giovanezza;
ch’io ci seppi accoppiar cortesi modi;
ben che stia mal che l’uom se stesso lodi.

13
Ne la nostra cittade era un uom saggio,
di tutte l’arti oltre ogni creder dotto,
che quando chiuse gli occhi al febeo raggio,
contava gli anni suoi cento e ventotto.
Visse tutta sua età solo e selvaggio,
se non l’estrema; che d’Amor condotto,
con premio ottenne una matrona bella,
e n’ebbe di nascosto una cittella.

14
E per vietar che simil la figliuola
alla matre non sia, che per mercede
vendé sua castità che valea sola
più che quanto oro al mondo si possiede,
fuor del commercio popular la invola;
ed ove più solingo il luogo vede,
questo amplo e bel palagio e ricco tanto
fece fare a’ demoni per incanto.

15
A vecchie donne e caste fe’ nutrire
la figlia qui, ch’in gran beltà poi venne;
né che potesse altr’uom veder, né udire
pur ragionarne in quella età, sostenne.
E perch’avesse esempio da seguire,
ogni pudica donna che mai tenne
contra illicito amor chiuse le sbarre,
ci fe’ d’intaglio o di color ritrarre:

16
non quelle sol che di virtude amiche
hanno sì il mondo all’età prisca adorno;
di quai la fama per l’istorie antiche
non è per veder mai l’ultimo giorno:
ma nel futuro ancora altre pudiche
che faran bella Italia d’ogn’intorno,
ci fe’ ritrarre in lor fattezze conte,
come otto che ne vedi a questa fonte.

17
Poi che la figlia al vecchio par matura
sì, che ne possa l’uom cogliere i frutti;
o fosse mia disgrazia o mia aventura,
eletto fui degno di lei fra tutti.
I lati campi oltre alle belle mura,
non meno i pescarecci, che gli asciutti,
che ci son d’ogn’intorno a venti miglia,
mi consegnò per dote de la figlia.

18
Ella era bella e costumata tanto,
che più desiderar non si potea.
Di bei trapunti e di riccami, quanto
mai ne sapesse Pallade, sapea.
Vedila andare, odine il suono e ‘l canto:
celeste e non mortal cosa parea.
E in modo all’arti liberali attese,
che, quanto il padre, o poco men n’intese.

19
Con grande ingegno, e non minor bellezza
che fatta l’avria amabil fin ai sassi,
era giunto un amore, una dolcezza,
che par ch’a rimembrarne il cor mi passi.
Non aveva più piacer né più vaghezza,
che d’esser meco ov’io mi stessi o andassi.
Senza aver lite mai stemmo gran pezzo:
l’avemmo poi, per colpa mia, da sezzo.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web