Footer menù

Testo del canto 43 (XLIII) del poema Orlando Furioso

170
– O forte, o caro, o mio fedel compagno,
che qui sei morto, e so che vivi in cielo,
e d’una vita v’hai fatto guadagno,
che non ti può mai tor caldo né gielo,
perdonami, se ben vedi ch’io piagno;
perché d’esser rimaso mi querelo,
e ch’a tanta letizia io non son teco;
non già perché qua giù tu non sia meco.

171
Solo senza te son; né cosa in terra
senza te posso aver più, che mi piaccia.
Se teco era in tempesta e teco in guerra,
perché non anco in ozio ed in bonaccia?
Ben grande e ‘l mio fallir, poi che mi serra
di questo fango uscir per la tua traccia.
Se negli affanni teco fui, perch’ora
non sono a parte del guadagno ancora?

172
Tu guadagnato, e perdita ho fatto io:
sol tu all’acquisto, io non son solo al danno.
Partecipe fatto e del dolor mio
l’Italia, il regno franco e l’alemanno.
Oh quanto, quanto il mio signore e zio,
oh quanto i paladin da doler s’hanno!
quanto l’Imperio e la cristiana Chiesa,
che perduto han la sua maggior difesa!

173
Oh quanto si torrà per la tua morte
di terrore a’ nimici e di spavento!
Oh quanto Pagania sarà più forte!
quanto animo n’avrà, quanto ardimento!
Oh come star ne dee la tua consorte!
Sin qui ne veggo il pianto, e ‘l grido sento.
So che m’accusa, e forse odio mi porta,
che per me teco ogni sua speme è morta.

174
Ma, Fiordiligi, almen resti un conforto
a noi che siàn di Brandimarte privi;
ch’invidiar lui con tanta gloria morto
denno tutti i guerrier ch’oggi son vivi.
Quei Deci, e quel nel roman foro absorto,
quel sì lodato Codro dagli Argivi,
non con più altrui profitto e più suo onore
a morte si donar, del tuo signore. –

175
Queste parole ed altre dicea Orlando.
Intanto i bigi, i bianchi, i neri frati,
e tutti gli altri chierci, seguitando
andavan con lungo ordine accoppiati,
per l’alma del defunto Dio pregando,
che gli donasse requie tra’ beati.
Lumi inanzi e per mezzo e d’ogn’intorno,
mutata aver parean la notte in giorno.

176
Levan la bara, ed a portarla foro
messi a vicenda conti e cavallieri.
Purpurea seta la copria, che d’oro
e di gran perle avea compassi altieri:
di non men bello e signoril lavoro
avean gemmati e splendidi origlieri;
e giacea quivi il cavallier con vesta
di color pare, e d’un lavor contesta.

177
Trecento agli altri eran passati inanti,
de’ più poveri tolti de la terra,
parimente vestiti tutti quanti
di panni negri e lunghi sin a terra.
Cento paggi seguian sopra altretanti
grossi cavalli e tutti buoni a guerra;
e i cavalli coi paggi ivano il suolo
radendo col lor abito di duolo.

178
Molte bandiere inanzi e molte dietro,
che di diverse insegne eran dipinte,
spiegate accompagnavano il ferètro;
le quai già tolte a mille schiere vinte,
e guadagnate a Cesare ed a Pietro
avean le forze ch’or giaceano estinte.
Scudi v’erano molti, che di degni
guerrieri, a chi fur tolti, aveano i segni.

179
Venian cento e cent’altri a diversi usi
de l’esequie ordinati; ed avean questi,
come anco il resto, accesi torchi; e chiusi,
più che vestiti, eran di nere vesti.
Poi seguia Orlando, e ad or ad or suffusi
di lacrime avea gli occhi e rossi e mesti;
né più lieto di lui Rinaldo venne:
il piè Olivier, che rotto avea, ritenne.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web