Footer menù

Testo del canto 43 (XLIII) del poema Orlando Furioso

90
Or per far quanti potea far ripari
da non lasciarla in quel error cadere
(perché il bisogno a dispogliar gli altari
tra’ l’uom talvolta, che sel trova avere),
ciò che tenea di gioie e di danari
(che n’avea somma) pose in suo potere:
rendite e frutti d’ogni possessione,
e ciò c’ha al mondo, in man tutto le pone.

91
– Con facultade (disse) che ne’ tuoi
non sol bisogni te li goda e spenda,
ma che ne possi far ciò che ne vuoi,
li consumi, li getti, e doni e venda;
altro conto saper non ne vo’ poi,
pur che, qual ti lascio or, tu mi ti renda:
pur che, come or tu sei, mi sie rimasa,
fa che io non trovi né poder né casa. –

92
La prega che non faccia, se non sente
ch’egli ci sia, ne la città dimora;
ma ne la villa, ove più agiatamente
viver potrà d’ogni commercio fuora.
Questo dicea, però che l’umil gente
che nel gregge o ne’ campi gli lavora,
non gli era aviso che le caste voglie
contaminar potessero alla moglie.

93
Tenendo tuttavia le belle braccia
al timido marito al collo Argia,
e di lacrime empiendogli la faccia,
ch’un fiumicel dagli occhi le n’uscia;
s’attrista che colpevole la faccia,
come di fé mancata già gli sia;
che questa sua sospizion procede,
perché non ha ne la sua fede fede.

94
Troppo sarà, s’io voglio ir rimembrando
ciò ch’al partir da tramendua fu detto.
– Il mio onor (dice al fin) ti raccomando: –
piglia licenza, e partesi in effetto;
e ben si sente veramente, quando
volge il cavallo, uscire il cor del petto.
Ella lo segue, quanto seguir puote,
con gli occhi che le rigano le gote.

95
Adonio intanto misero e tapino,
e (come io dissi) pallido e barbuto,
verso la patria avea preso il camino,
sperando di non esser conosciuto.
Sul lago giunse alla città vicino,
là dove avea dato alla biscia aiuto,
ch’era assediata entro la macchia forte
da quel villan che por la volea a morte.

96
Quivi arrivando in su l’aprir del giorno,
ch’ancor splendea nel cielo alcuna stella,
si vede in peregrino abito adorno
venir pel lito incontra una donzella
in signoril sembiante, ancor ch’intorno
non l’apparisse né scudier né ancella.
Costei con grata vista lo raccolse,
e poi la lingua a tai parole sciolse:

97
– Se ben non mi conosci, o cavalliero,
son tua parente, e grande obligo t’aggio:
parente son, perché da Cadmo fiero
scende d’amenduo noi l’alto lignaggio.
Io son la fata Manto, che ‘l primiero
sasso messi a fondar questo villaggio;
e dal mio nome (come ben forse hai
contare udito) Mantua la nomai.

98
De le fate io son una; ed il fatale
stato per farti anco saper ch’importe,
nascemo a un punto, che d’ogn’altro male
siamo capaci, fuor che de la morte.
Ma giunto è con questo essere immortale
condizion non men del morir forte;
ch’ogni settimo giorno ogniuna è certa
che la sua forma in biscia si converta.

99
Il vedersi coprir del brutto scoglio,
e gir serpendo, è cosa tanto schiva,
che non è pare al mondo altro cordoglio;
tal che bestemmia ogniuna d’esser viva.
E l’obbligo ch’io t’ho (perché ti voglio
insiememente dire onde deriva),
tu saprai che quel dì, per esser tali,
siamo a periglio d’infiniti mali.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web