Footer menù

Testo del canto 42 (XLII) del poema Orlando Furioso

50
Il mostro al petto il serpe ora gli appicca,
che sotto l’arme e sin nel cor l’agghiaccia;
ora per la visiera gliele ficca,
e fa ch’erra pel collo e per la faccia.
Rinaldo da l’impresa si dispicca,
e quanto può con sproni il destrier caccia:
ma la Furia infernal già non par zoppa,
che spicca un salto, e gli è subito in groppa.

51
Vada al traverso, al dritto, ove si voglia,
sempre ha con lui la maledetta peste;
né sa modo trovar, che se ne scioglia,
ben che ‘l destrier di calcitrar non reste.
Triema a Rinaldo il cor come una foglia:
non ch’altrimente il serpe lo moleste;
ma tanto orror ne sente e tanto schivo,
che stride e geme, e duolsi ch’egli è vivo.

52
Nel più tristo sentier, nel peggior calle
scorrendo va, nel più intricato bosco,
ove ha più asprezza il balzo, ove la valle
è più spinosa, ov’è l’aer più fosco,
così sperando torsi da le spalle
quel brutto, abominoso, orrido tosco;
e ne saria mal capitato forse,
se tosto non giungea chi lo soccorse.

53
Ma lo soccorse a tempo un cavalliero
di bello armato e lucido metallo,
che porta un giogo rotto per cimiero,
di rosse fiamme ha pien lo scudo giallo;
così trapunto il suo vestire altiero,
così la sopravesta del cavallo:
la lancia ha in pugno, e la spada al suo loco,
e la mazza all’arcion, che getta foco.

54
Piena d’un foco eterno è quella mazza,
che senza consumarsi ognora avampa:
né per buon scudo o tempra di corazza
o per grossezza d’elmo se ne scampa.
Dunque si debbe il cavallier far piazza,
giri ove vuol l’inestinguibil lampa:
né manco bisognava al guerrier nostro,
per levarlo di man del crudel mostro.

55
E come cavallier d’animo saldo,
ove ha udito il rumor, corre e galoppa,
tanto che vede il mostro che Rinaldo
col brutto serpe in mille nodi agroppa,
e sentir fagli a un tempo freddo e caldo;
che non ha via di torlosi di groppa.
Va il cavalliero, e fere il mostro al fianco,
e lo fa trabboccar dal lato manco.

56
Ma quello è a pena in terra che si rizza,
e il lungo serpe intorno aggira e vibra.
Quest’altro più con l’asta non l’attizza;
ma di farla col fuoco si delibra.
La mazza impugna, e dove il serpe guizza,
spessi come tempesta i colpi libra;
né lascia tempo a quel brutto animale,
che possa farne un solo o bene o male:

57
e mentre a dietro il caccia o tiene a bada,
e lo percuote, e vendica mille onte,
consiglia il paladin che se ne vada
per quella via che s’alza verso il monte.
Quel s’appiglia al consiglio ed alla strada;
e senza dietro mai volger la fronte,
non cessa, che di vista se gli tolle,
ben che molto aspro era a salir quel colle.

58
Il cavallier, poi ch’alla scura buca
fece tornare il mostro da l’inferno,
ove rode se stesso e si manuca,
e da mille occhi versa il pianto eterno;
per esser di Rinaldo guida e duca
gli salì dietro, e sul giogo superno
gli fu alle spalle, e si mise con lui
per trarlo fuor de’ luoghi oscuri e bui.

59
Come Rinaldo il vide ritornato,
gli disse che gli avea grazia infinita,
e ch’era debitore in ogni lato
di porre a beneficio suo la vita.
Poi lo domanda come sia nomato,
acciò dir sappia chi gli ha dato aita,
e tra guerrieri possa e inanzi a Carlo
de l’alta sua bontà sempre esaltarlo.

Comments are closed.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web