Footer menù

Testo del canto 42 (XLII) del poema Orlando Furioso

10
Come vide Gradasso d’Agramante
cadere il busto dal capo diviso;
quel ch’accaduto mai non gli era inante,
tremò nel core e si smarrì nel viso;
e all’arrivar del cavallier d’Anglante,
presago del suo mal, parve conquiso.
Per schermo suo partito alcun non prese,
quando il colpo mortal sopra gli scese.

11
Orlando lo ferì nel destro fianco
sotto l’ultima costa; e il ferro, immerso
nel ventre, un palmo uscì dal lato manco,
di sangue sin all’elsa tutto asperso.
Mostrò ben che di man fu del più franco
e del meglior guerrier de l’universo
il colpo ch’un signor condusse a morte,
di cui non era in Pagania il più forte.

12
Di tal vittoria non troppo gioioso,
presto di sella il paladin si getta;
e col viso turbato e lacrimoso
a Brandimarte suo corre a gran fretta.
Gli vede intorno il campo sanguinoso:
l’elmo che par ch’aperto abbia una accetta,
se fosse stato fral più che di scorza,
difeso non l’avria con minor forza.

13
Orlando l’elmo gli levò dal viso,
e ritrovò che ‘l capo sino al naso
fra l’uno e l’altro ciglio era diviso:
ma pur gli è tanto spirto anco rimaso,
che de’ suoi falli al Re del paradiso
può domandar perdono anzi l’occaso;
e confortare il conte, che le gote
sparge di pianto, a pazienza puote;

14
e dirgli: – Orlando, fa che ti raccordi
di me ne l’orazion tue grate a Dio;
né men ti raccomando la mia Fiordi… –
ma dir non poté: – … ligi -, e qui finio.
E voci e suoni d’angeli concordi
tosto in aria s’udir, che l’alma uscìo;
la qual disciolta dal corporeo velo
fra dolce melodia salì nel cielo.

15
Orlando, ancor che far dovea allegrezza
di sì devoto fine, e sapea certo
che Brandimarte alla suprema altezza
salito era (che ‘l ciel gli vide aperto);
pur da la umana volontade, avezza
coi fragil sensi, male era sofferto
ch’un tal più che fratel gli fosse tolto,
e non aver di pianto umido il volto.

16
Sobrin che molto sangue avea perduto,
che gli piovea sul fianco e su le gote,
riverso già gran pezzo era caduto,
e aver ne dovea ormai le vene vote.
Ancor giacea Olivier, né riavuto
il piede avea, né riaver lo puote
se non ismosso, e de lo star che tanto
gli fece il destrier sopra, mezzo infranto:

17
e se ‘l cognato non venìa ad aitarlo
(sì come lacrimoso era e dolente),
per sé medesmo non potea ritrarlo;
e tanta doglia e tal martìr ne sente,
che ritratto che l’ebbe, né a mutarlo
né a fermarvisi sopra era possente;
e n’ha insieme la gamba sì stordita,
che muover non si può, se non si aita.

18
De la vittoria poco rallegrosse
Orlando; e troppo gli era acerbo e duro
veder che morto Brandimarte fosse,
né del cognato molto esser sicuro.
Sobrin, che vivea ancora, ritrovosse,
ma poco chiaro avea con molto oscuro;
che la sua vita per l’uscito sangue
era vicina a rimanere esangue.

19
Lo fece tor, che tutto era sanguigno,
il conte, e medicar discretamente;
e confortollo con parlar benigno,
come se stato gli fosse parente;
che dopo il fatto nulla di maligno
in sé tenea, ma tutto era clemente.
Fece dei morti arme e cavalli torre;
del resto a’ servi lor lasciò disporre.

Comments are closed.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web