Footer menù

Testo del canto 42 (XLII) del poema Orlando Furioso

100
Ciascun marito, a mio giudizio, deve
sempre spiar se la sua donna l’ama;
saper s’onore o biasmo ne riceve,
se per lei bestia, o se pur uom si chiama.
L’incarco de le corna è lo più lieve
ch’al mondo sia, se ben l’uom tanto infama:
lo vede quasi tutta l’altra gente;
e chi l’ha in capo, mai non se lo sente.

101
Se tu sai che fedel la moglie sia,
hai di più amarla e d’onorar ragione,
che non ha quel che la conosce ria,
o quel che ne sta in dubbio e in passione.
Di molte n’hanno a torto gelosia
i lor mariti, che son caste e buone:
molti di molte anco sicuri stanno,
che con le corna in capo se ne vanno.

102
Se vuoi saper se la tua sia pudica
(come io credo che credi, e creder déi;
ch’altrimente far credere è fatica,
se chiaro già per prova non ne sei),
tu per te stesso, senza ch’altri il dica,
te n’avvedrai, s’in questo vaso bei;
che per altra cagion non è qui messo,
che per mostrarti quanto io t’ho promesso.

103
Se béi con questo, vedrai grande effetto;
che se porti il cimier di Cornovaglia,
il vin ti spargerai tutto sul petto,
né gocciola sarà ch’in bocca saglia:
ma s’hai moglie fedel, tu berai netto.
Or di veder tua sorte ti travaglia. –
Così dicendo, per mirar tien gli occhi,
ch’in seno il vin Rinaldo si trabbocchi.

104
Quasi Rinaldo di cercar suaso
quel che poi ritrovar non vorria forse,
messa la mano inanzi, e preso il vaso,
fu presso di volere in prova porse:
poi, quanto fosse periglioso il caso
a porvi i labri, col pensier discorse.
Ma lasciate, Signor, ch’io mi ripose;
poi dirò quel che ‘l paladin rispose.

Comments are closed.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web