Footer menù

Testo del canto 41 (XLI) del poema Orlando Furioso

Parafrasi del canto XLI del poema Orlando Furioso

1
L’odor ch’è sparso in ben notrita e bella
o chioma o barba o delicata vesta
di giovene leggiadro o di donzella,
ch’Amor sovente lacrimando desta,
se spira e fa sentir di sé novella,
e dopo molti giorni ancora resta;
mostra con chiaro ed evidente effetto,
come a principio buono era e perfetto.

2
L’almo liquor che ai meditori suoi
fece Icaro gustar con suo gran danno,
e che si dice che già Celte e Boi
fe’ passar l’Alpe e non sentir l’affanno;
mostra che dolce era a principio, poi
che si serva ancor dolce al fin de l’anno.
L’arbor ch’al tempo rio foglia non perde,
mostra ch’a primavera era ancor verde.

3
L’inclita stirpe che per tanti lustri
mostrò di cortesia sempre gran lume,
e par ch’ognor più ne risplenda e lustri,
fa che con chiaro indizio si presume,
che chi progenerò gli Estensi illustri,
dovea d’ogni laudabile costume
che sublimar al ciel gli uomini suole,
splender non men che fra le stelle il sole.

4
Ruggier, come in ciascun suo degno gesto,
d’alto valor, di cortesia solea
dimostrar chiaro segno e manifesto,
e sempre più magnanimo apparea;
così verso Dudon lo mostrò in questo,
col qual (come di sopra io vi dicea)
dissimulato avea quanto era forte,
per pietà che gli avea di porlo a morte.

5
Avea Dudon ben conosciuto certo,
ch’ucciderlo Ruggier non l’ha voluto;
perch’or s’ha ritrovato allo scoperto,
or stanco sì, che più non ha potuto.
Poi che chiaro comprende, e vede aperto
che gli ha rispetto, e che va ritenuto;
quando di forza e di vigor val meno,
di cortesia non vuol cedergli almeno.

6
– Per Dio (dice), signor, pace facciamo;
ch’esser non può più la vittoria mia:
esser non può più mia; che già mi chiamo
vinto e prigion de la tua cortesia. –
Ruggier rispose: – Ed io la pace bramo
non men di te; ma che con patto sia,
che questi sette re c’hai qui legati,
lasci ch’in libertà mi sieno dati. –

7
E gli mostrò quei sette re ch’io dissi
che stavano legati a capo chino;
e gli soggiunse che non gli impedissi
pigliar con essi in Africa il camino.
E così furo in libertà remissi
quei re; che gliel concesse il paladino;
e gli concesse ancor ch’un legno tolse,
quel ch’a lui parve, e verso Africa sciolse.

8
Il legno sciolse, e fe’ scioglier la vela,
e se diè al vento perfido in possanza,
che da principio la gonfiata tela
drizzò a camino, e diè al nocchier baldanza.
Il lito fugge, e in tal modo si cela,
che par che ne sia il mar rimaso sanza.
Ne l’oscurar del giorno fece il vento
chiara la sua perfidia e ‘l tradimento.

9
Mutossi da la poppa ne le sponde,
indi alla prora, e qui non rimase anco:
ruota la nave, ed i nocchier confonde;
ch’or di dietro or dinanzi or loro è al fianco.
Surgono altiere e minacciose l’onde:
mugliando sopra il mar va il gregge bianco.
Di tante morti in dubbio e in pena stanno,
quanto son l’acque ch’a ferir li vanno.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore visite gratis
Segui la nostra pagina Facebook : se orlandofurioso.com ti è piaciuto, condividi l'esperienza!