Footer menù

Testo del canto 40 (XL) del poema Orlando Furioso

60
Ciò che di ruginoso e di brunito
aver si può, fa ragunare Orlando;
e coi compagni intanto va pel lito
de la futura pugna ragionando.
Gli avvien ch’essendo fuor del campo uscito
più di tre miglia, e gli occhi al mare alzando,
vide calar con le vele alte un legno
verso il lito african senza ritegno.

61
Senza nocchieri e senza naviganti,
sol come il vento e sua fortuna il mena,
venìa con le vele alte il legno avanti,
tanto che se ritenne in su l’arena.
Ma prima che di questo più vi canti,
l’amor ch’a Ruggier porto mi rimena
alla sua istoria, e vuol ch’io vi racconte
di lui e del guerrier di Chiaramonte.

62
Di questi duo guerrier dissi che tratti
s’erano fuor del marziale agone,
viste convenzion rompere e patti,
e turbarsi ogni squadra e legione.
Chi prima i giuramenti abbia disfatti,
e stato sia di tanto mal cagione,
o l’imperator Carlo, o il re Agramante,
studian saper da chi lor passa avante.

63
Un servitor intanto di Ruggiero,
ch’era fedele e pratico ed astuto,
né pel conflitto dei duo campi fiero
avea di vista il patron mai perduto,
venne a trovarlo, e la spada e ‘l destriero
gli diede, perché a’ suoi fosse in aiuto.
Montò Ruggiero e la sua spada tolse,
ma ne la zuffa entrar non però volse.

64
Quindi si parte; ma prima rinuova
la convenzion che con Rinaldo avea;
che se pergiuro il suo Agramante trova,
lo lascierà con la sua setta rea.
Per quel giorno Ruggier fare altra prova
d’arme non volse; ma solo attendea
a fermar questo e quello, e a domandarlo
chi prima roppe, o ‘l re Agramante, o Carlo.

65
Ode da tutto ‘l mondo, che la parte
del re Agramante fu, che roppe prima.
Ruggiero ama Agramante, e se si parte
da lui per questo, error non lieve stima.
Fur le gente africane e rotte e sparte
(questo ho già detto inanzi), e da la cima
de la volubil ruota tratte al fondo,
come piacque a colei ch’aggira il mondo.

66
Tra sé volve Ruggiero e fa discorso,
se restar deve, o il suo signor seguire.
Gli pon l’amor de la sua donna un morso
per non lasciarlo in Africa più gire:
lo volta e gira, ed a contrario corso
lo sprona, e lo minaccia di punire,
se l’ patto e ‘l giuramento non tien saldo,
che fatto avea col paladin Rinaldo.

67
Non men da l’altra parte sferza e sprona
la vigilante e stimulosa cura,
che s’Agramante in quel caso abbandona,
a viltà gli sia ascritto ed a paura.
Se del restar la causa parrà buona
a molti, a molti ad accettar fia dura.
Molti diran che non si de’ osservare
quel ch’era ingiusto e illicito a giurare.

68
Tutto quel giorno e la notte seguente
stette solingo, e così l’altro giorno,
pur travagliando la dubbiosa mente,
se partir deve o far quivi soggiorno.
Pel signor suo conclude finalmente
di fargli dietro in Africa ritorno.
Potea in lui molto il coniugale amore,
ma vi potea più il debito e l’onore.

69
Torna verso Arli; che trovarvi spera
l’armata ancor, ch’in Africa il trasporti:
né legno in mar né dentro alla rivera,
né Saracini vede, se non morti.
Seco al partire ogni legno che v’era
trasse Agramante, e ‘l resto arse nei porti.
Fallitogli il pensier, prese il camino
verso Marsilia pel lito marino.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web