Footer menù

Testo del canto 40 (XL) del poema Orlando Furioso

50
Farò che gli altri Nubi che da loro
il Nilo parte e la diversa legge,
e gli Arabi e i Macrobi, questi d’oro
ricchi e di gente, e quei d’equino gregge,
Persi e Caldei (perché tutti costoro
con altri molti il mio scettro corregge);
farò ch’in Nubia lor faran tal guerra,
che non si fermeran ne la tua terra. –

51
Al re Agramante assai parve oportuna
del re Gradasso la seconda offerta;
e si chiamò obligato alla Fortuna,
che l’avea tratto all’isola deserta:
ma non vuol torre a condizione alcuna,
se racquistar credesse indi Biserta,
che battaglia per lui Gradasso prenda;
che ‘n ciò gli par che l’onor troppo offenda.

52
– S’a disfidar s’ha Orlando, son quell’io
(rispose) a cui la pugna più conviene:
e pronto vi sarò; poi faccia Dio
di me, come gli pare, o male o bene. –
– Facciàn (disse Gradasso) al modo mio,
a un nuovo modo ch’in pensier mi viene:
questa battaglia pigliamo ambedui
incontra Orlando, e un altro sia con lui. –

53
– Pur ch’io non resti fuor, non me ne lagno
(disse Agramante), o sia primo o secondo:
ben so ch’in arme ritrovar compagno
di te miglior non si può in tutto ‘l mondo. –
– Ed io (disse Sobrin) dove rimagno?
E se vecchio vi paio, vi rispondo
ch’io debbo esser più esperto, e nel periglio
presso alla forza è buono aver consiglio. –

54
D’una vecchiezza valida e robusta
era Sobrino, e di famosa prova;
e dice ch’in vigor l’età vetusta
si sente pari alla già verde e nuova.
Stimata fu la sua domanda giusta;
e senza indugio un messo si ritrova,
il qual si mandi agli africani lidi,
e da lor parte il conte Orlando sfidi;

55
che s’abbia a ritrovar con numer pare
di cavallieri armati in Lipadusa.
Una isoletta è questa, che dal mare
medesmo che li cinge, è circonfusa.
Non cessa il messo a vela e a remi andare,
come quel che prestezza al bisogno usa,
che fu a Biserta; e trovò Orlando quivi,
ch’a suoi le spoglie dividea e i captivi.

56
Lo ‘nvito di Gradasso e d’Agramante
e di Sobrino in publico fu espresso,
tanto giocondo al principe d’Anglante,
che d’ampli doni onorar fece il messo.
Avea dai suoi compagni udito inante,
che Durindana al fianco s’avea messo
il re Gradasso: onde egli, per desire
di racquistarla, in India volea gire,

57
stimando non aver Gradasso altrove,
poi ch’udì che di Francia era partito.
Or più vicin gli è offerto luogo, dove
spera che ‘l suo gli fia restituito.
Il bel corno d’Almonte anco lo muove
ad accettar sì volentier lo ‘nvito,
e Brigliador non men; che sapea in mano
esser venuti al figlio di Troiano.

58
Per compagno s’elegge alla battaglia
il fedel Brandimarte e ‘l suo cognato.
Provato ha quanto l’uno e l’altro vaglia;
sa che da trambi è sommamente amato.
Buon destrier, buona piastra e buona maglia,
e spade cerca e lance in ogni lato
a sé e a’ compagni: che sappiate parme,
che nessun d’essi avea le solite arme.

59
Orlando (come io v’ho detto più volte)
de le sue sparse per furor la terra:
agli altri ha Rodomonte le lor tolte,
ch’or alta torre in ripa un fiume serra.
Non se ne può per Africa aver molte;
sì perché in Francia avea tratto alla guerra
il re Agramante ciò ch’era di buono,
sì perché poche in Africa ne sono.

No comments yet.

Lascia un commento

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

Powered by WordPress. Designed by WooThemes

contatore accessi web